gennaio 3rd, 2016

Un anno senza Pino Daniele. Moriva il 4 gennaio del 2015

Pubblicato il 03 Gen 2016 alle 12:38pm

Un anno fa, il 4 gennaio del 2015, moriva il grande musicista e bluesman Pino Daniele. Classe 1955, il cantautore partenopeo partito da Napoli e divenuto famoso in tutto il mondo, fu colpito da un malore mentre si trovava in Maremma nella sua casa di campagna in Toscana.

Dopo l’inutile corsa in ospedale e le polemiche che ne seguirono, un collegio di periti, nominati dalla Procura di Roma, stabiliva che le cause del decesso della morte di Pino Daniele sono da attribuire ad un “decadimento della funzione cardiaca, che provocò un edema fatale”.

E come già accaduto per il grande Totò, l’ultimo saluto al cantautore si è svolto con un doppio funerale, prima a Roma al Divino Amore e poi a Napoli nella sua città natale, nella Basilica Reale di San Francesco di Paola nella piazza del Plebiscito.

L’urna con le ceneri esposta per una settimana nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino.

Durante Capodanno 2016, sempre in piazza Plebiscito, è stato ricordato con le esibizioni del fratello Nello, degli amici Enzo Avitabile, Tony Esposito e Lina Sastri.

Fino 10 gennaio è aperta al pubblico, al Pan di Napoli, la mostra “Vent’anni con Pino – Addove”, realizzata dal fotografo amico Alessandro D’Urso.

Per la giornata di domani, non sono previste celebrazioni ufficiali ma amici, colleghi e fan non si dimenticheranno certo di lui. Daranno vita a numerose iniziative singole.

Alle ore 18 nella libreria Berisio a Port’Alba Peppe Lanzetta presenterà il volume “Ho sete ancora”, raccolta pubblicata da “Iocisto”: racconti di scrittori napoletani, tra cui lo stesso Lanzetta, ispirati a brani di Daniele, da “Donna Cuncetta” a “Lazzari felici”.

Sempre domani, a partire dalle ore 21.30 al Nais Moment in via Ferrigni, i Due Acustici, Gianluca Di Pietro e Andrea Raguzzino, saranno impegnati in un concerto-omaggio, aperto alle richieste del pubblico.

Un’altra tribute band si esibirà per i detenuti del carcere di Secondigliano.

Ma gli omaggi all’artista scomparso non si riducono certamente a questi. Poche ore dopo la morte di Daniele, il leggendario chitarrista Eric Clapton gli dedicò su Facebook il brano “Pino S.”.

Tullio De Piscopo ed Enzo Gragnaniello lo hanno ricordato più volte e rispettivamente nei loro brani “Il viaggio di un amico” e “Destino e speranza”,nei loro ultimi lavori discografici.

“Che soddisfazione” è invece il disco del sassofonista Anastasio che rielabora in versione strumentale dieci brani di Pino, da la “Notte che se ne va” ad “Anna verrà”.

Due le pubblicazioni discografiche postume a nome dello stesso artista scomparso.

Il doppio cd “Nero a metà Live”, con la registrazione dell’ultimo concerto tenuto a Milano il 22 dicembre del 2014 dal bluesman e il cofanetto “Tracce di libertà”, i primi tre album rimasterizzati con con alcuni brani inediti.

E ancora, libri: “Je sto vicino a te” di Nello Daniele e Antonio G. D’Errico (Mondadori) e “Napule è – I luoghi di Pino Daniele”, di Carmine Aymone e Michelangelo Iossa (Rogiosi).

Infine ricordiamo che il Comune di Napoli, ha dedicato al grande artista partenopeo un’area di circolazione che ricade nel quartiere San Giuseppe, ex Vicoletto Donnalbina, a pochi passi dalla sua casa natale.

Aumentati al 1 gennaio biglietti Trenitalia e aerei

Pubblicato il 03 Gen 2016 alle 11:50am

Il 2016 si apre con un rincaro sul fronte dei trasporti.

Ad annunciarlo è il Codacons, che spiega anche che “Agli incrementi dei pedaggi autostradali, si vanno ad aggiungere a partire dall’1 gennaio sensibili rincari per i treni. Non solo. Costa di più anche il trasporto in aereo, a causa dell’aumento dell’addizionale sui biglietti aerei”.

“Per le autostrade si registrano, invece, aumenti medi dello 0,86% ma – avverte il presidente Carlo Rienzi – per molte tratte i rincari sono solo sospesi e potrebbero essere sbloccati a breve. A ciò si aggiungono pesanti aumenti tariffari anche per i treni: per l’alta velocità, che sono scattati già a partire dal 1 gennaio 2016. Rincari medi dei biglietti di +2,7% che raggiungono quota +3,5% su alcune tratte molto utilizzate dai viaggiatori come la Roma-Milano. Come se non bastasse, è aumentata anche di 2,5 euro anche l’addizionale comunale sui biglietti aerei, che porta l’odioso balzello a 9 euro a passeggero, 10 se si parte da Ciampino o Fiumicino”.

Ma non finisce certo qui. Accanto ad autostrade, aerei e treni il Codacons prevede per il 2016 “aumenti per tutto il comparto dei trasporti (traghetti, mezzi pubblici, taxi, navi). Una vera e propria stangata per gli italiani al punto che le famiglie nel corso del 2016 spenderanno complessivamente oltre 1,4 miliardi di euro in più solo per la voce trasporti”.

Entrato in vigore l’accordo tra Vaticano e “stato di Palestina”

Pubblicato il 03 Gen 2016 alle 11:30am

Entra in vigore l’accordo Bilaterale tra Santa Sede e “stato di Palestina, dopo il pre-accordo dello scorso 26 giugno e la ratifica delle due parti.

“In riferimento al comprehensive agreement between the holy see and the state of Palestine, firmato il 26 giugno 2015”, si legge in una nota diramata dalla sala stampa vaticana, “la Santa Sede e lo stato di Palestina hanno notificato reciprocamente il compimento delle procedure richieste per la sua entrata in vigore, ai sensi dell’articolo 30 del medesimo accordo.

L’accordo, costituito da un preambolo e da 32 articoli, riguarda aspetti di vita essenziali e l’attività della chiesa in Palestina, riaffermando il sostegno per una soluzione negoziata e pacifica del conflitto nella regione”.

In un articolo uscito nei mesi scorsi sull’Osservatore Romano, in occasione del pre-accordo, monsignor Antoine Camilleri, sotto-segretario per i Rapporti con gli Stati e capo delegazione della Santa Sede spiegava che “come tutti gli accordi che la Santa Sede firma con diversi Stati, quello attuale ha lo scopo di favorire la vita e l’attività della chiesa cattolica e il suo riconoscimento a livello giuridico anche per un suo più efficace servizio alla società”.

350 rocker riuniti in un solo brano grazie ai Rockin’1000

Pubblicato il 03 Gen 2016 alle 7:39am

Sono serviti solo dieci giorni per realizzare un video, a cui hanno preso parte ben 350 musicisti, per dimostrare che il rock non è morto, come dichiarato qualche settimana fa dai Coldplay.

La nuova sfida lanciata dai Rockin’1000 che il 31 dicembre ha portato su Youtube un video finale, che solo nelle prime 24 ore ha totalizzato oltre 5000 di visualizzazioni e centinaia di condivisioni.

L’ideatore del video e dell’iniziativa Fabio Zaffagnini, romagnolo di Fusignano, ha spiegato: «Abbiamo chiesto a musicisti provenienti da tutto il mondo di registrarsi mentre cantano e suonano il brano dei Foo Fighters, “Saint Cecilia”.

“Ogni rocker ha registrato una traccia da casa e l’ha inviata al sito di Rockin’1000. Abbiamo sincronizzato tutte queste tracce e creato una magnifica versione collettiva della canzone! Questo progetto è stato concepito e realizzato in 10 giorni, in risposta a tutti coloro che ritengono che il rock’n’roll sia morto”.

Il brano “Saint Cecilia” è stato dedicato dai Foo Fighters alle vittime di Parigi.

Alunni diabetici: nuove indicazioni per gli operatori scolastici

Pubblicato il 03 Gen 2016 alle 7:11am

Durante un convegno promosso dalla Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica ha preso vita un importante progetto di gestione integrata dedicato ai piccoli pazienti diabeti, promosso da SIEDP assieme al Coordinamento tra Associazioni italiane di aiuto a bambini e giovani con diabete (AGDI) e dall’Ibdo – Italian Barometer Diabetes Observatory.

Un progetto redatto dal Coordinamento delle Associazioni assieme ai Ministeri della Salute e dell’Istruzione.

Al fine di dare le principali indicazioni al personale scolastico su chi deve fare cosa, a scuola e nella gestione ordinaria dei pazienti in situazioni di emergenza, come ad esempio chi deve iniettare l’insulina o chi deve intervenire per chiamare il 118 in caso di crisi ipoglicemica.

Un documento, recepito formalmente dalle Regioni Abruzzo, Umbria, Calabria e Sicilia, che si spera possa essere sottoscritto anche in altre regioni.

Lo scopo dell’iniziativa è quella di migliorare l’esistenza del bambino anche a scuola, di tranquillizzare la famiglia, e di migliorare la gestione della malattia, in ogni situazione, anche scolastica.

Apertura gratuita dei musei il 3 gennaio, prima domenica del mese

Pubblicato il 03 Gen 2016 alle 6:38am

Torna anche quest’anno l’importante iniziativa “Domenica al Museo”, l’apertura gratuita di tutti i musei ogni prima domenica del mese.

Molte le città che hanno aderito all’interessante iniziativa la cui delibera della giunta, approvata nei giorni scorsi, prevede l’estensione dell’iniziativa fino a luglio 2016.

Domenica 3 gennaio sarà quindi possibile visitare gratuitamente, molti edifici e musei storici.

Per ulteriori info e l’elenco dei musei e delle mostre convenzionate visitare il sito ministeriale.

A Milano ad esempio, si potranno visitare la Pinacoteca di Brera, Musei Castello Sforzesco, Museo del Risorgimento, Palazzo Morando, GAM|Galleria d’Arte Moderna, Museo Archeologico, Museo di Storia Naturale, Acquario, Museo del Novecento, Museo della Pietà Rondanini, Casa Boschi Di Stefano e Studio Francesco Messina.

Cioccolato fondente ricco di magnesio, aiuta a contrastare l’insorgenza del tumore al pancreas

Pubblicato il 03 Gen 2016 alle 6:10am

Il cioccolato fondente potrebbe servire a prevenire, in modo naturale, il tumore al pancreas. Ne sono certi i ricercatori dell’Indiana University.

Secondo i quali i componenti del cioccolato fondente possono aiutare a prevenire la neoplasia perché ricchi di magnesio.

Benefico per questo tipo di tumore che ha un tasso di sopravvivenza di 5 anni e ciò rende necessaria un’azione preventiva.

“Per le persone più a rischio di cancro al pancreas, l’aggiunta di integratori di magnesio può rivelarsi utile nel prevenire la malattia. Ma la popolazione generale dovrebbe cercare di raggiungere le quantità raccomandate di magnesio attraverso la dieta, assumendo cioccolato fondente, verdure a foglia verde e frutta secca”. Suggeriscono gli esperti di questo studio.