gennaio 4th, 2016

India, magnitudo 6.7 a Manipur, almeno 6 morti e oltre 100 feriti

Pubblicato il 04 Gen 2016 alle 10:50am

Il primo bilancio delle vittime del forte terremoto di magnitudo 6.7 che si è registrato prima dell’alba nello Stato indiano nordorientale di Manipur, tra Bangladesh e Birmania è di almeno 6 morti e di oltre 100 feriti (altro…)

Carlo Verdone debutto su Facebook

Pubblicato il 04 Gen 2016 alle 7:37am

Con l’arrivo del 2016 Carlo Verdone fa il suo debutto ufficiale su Fb.

La pagina in realtà era già nata da un po’ ma subito dopo abbandonata. Non aggiornata.

Ora, però, con l’arrivo del nuovo anno Carlo verdone ha postato un video di saluto ai fan e di auguri che dice “Io non ero presente in nessuno dei social network, però dai alla fine era giusto farlo. Siete in tanti, cercheremo di condividere musica, pensieri, gusti, tutto. In allegria, questa è la cosa importante”.

E in pochi giorni la sua pagina è diventata seguitissima, riscuotendo un grossissimo successo.

Toscana, nasce Palazzo del Pegaso dove l’arte è gratis, aperta a tutti

Pubblicato il 04 Gen 2016 alle 7:22am

La sede del consiglio regionale della Toscana avrà un nuovo nome, si chiamerà Palazzo del Pegaso, dal simbolo della Regione Toscana, e un percorso museale del tutto gratuito.

A Palazzo Panciatichi, in via Cavour 2-4, sono stati inaugurati ieri due spazi dedicati alle visite, uno permanente (le quattro sale al primo piano) e uno temporaneo, che ospiterà la mostra “Firenze 1565 della magnificenza civile, gli apparati per le nozze di Francesco de’ Medici e Giovanna d’Austria”.

La cui prima visita è stata guidata dallo stesso presidente del consiglio regionale, Eugenio Giani, ma tutti i cittadini potranno conoscere la maestosità del palazzo entrando gratuitamente nei giorni feriali, dalle ore 10 alle ore 12 (semplicemente registrandosi all’entrata).

Al primo piano di palazzo Panciatichi-Covoni-Capponi troviamo anche dieci grandi pannelli, corredati da un ‘touchscreen’ con tutte le fonti.

Apparati didattici che raccontano la Toscana premoderna, il periodo etrusco, romano e medievale. La sala adiacente dedicata a Paolo Barile, che tutti chiamano sala del Pegaso, per la riproduzione della medaglia esposta al Bargello, voluta dal Cardinale Pietro Bembo e forse coniata da Benvenuto Cellini.

Il caminetto in stile ‘francese’, con marmi policromi ed uno specchio appoggiato sopra la mensola, un vero e proprio gioiello, un amplificatore di suoni per ascoltare segretamente le conversazioni da una stanza attigua, realizzato nel 1742 da Luigi Orlandi e Carlo Socci, insieme agli affreschi, che coprono completamente le pareti.

Aidaa denuncia Sgarbi, offende le capre. Lui: “è un complimento”

Pubblicato il 04 Gen 2016 alle 7:10am

Aidaa (Associazione italiana Difesa Animali e Ambiente) ha presentato un esposto contro Vittorio Sgarbi alla procura di Ferrara è per verificare se l’uso spregiativo del termine “capra” che, ”lo stesso critico d’arte usa a sproposito non sia un’incitamento al maltrattamento di animali, oltre che un uso scorretto della lingua Italiana”.

“E’ una provocazione la nostra – spiega Lorenzo Croce, firmatario della denuncia contro il professor Sgarbi – fatta contro chi delle provocazioni ha fatto un modo di vivere e quindi a lui chiediamo oltre che di smetterla di usare impropriamente il nome Capra come epiteto anche di andare a vivere tre giorni con i pastori ed imparare pascolando le capre quando sono intelligenti quegli animali”.

Pronta la replica di Sgarbi: «Ringrazio l’Aidaa, condividendo pienamente le loro posizioni. Infatti, avendo evitato di legare al sostantivo capra qualunque aggettivo, ho sempre inteso “capra” come un complimento, considerando di molto inferiori alcuni uomini. Suggerisco – sempre sul filo dell’ironia ha detto infine il critico d’arte di fare un esposto anche contro Gesù Cristo che, identificandosi nel “buon pastore”, ha riconosciuto negli uomini le sue pecore».

Virus Zika al centro dell’epidemia in Brasile

Pubblicato il 04 Gen 2016 alle 6:57am

Potrebbe esservi il virus Zika al centro dell’epidemia di microcefalia che nel 2015 si è registrata in Brasile.

Una malformazione neurologica che porta con sé una ridotta crescita a sia del cervello che della circonferenza del cranio ma che in generale non si associa a problemi cognitivi.

La microcefalia può condurre a ritardi mentali, paralisi degli arti, epilessia, mal di testa o dolore alle articolazioni.

Visto il cospicuo numero di casi e di morti registrati che si sono verificati in Brasile, le autorità cercano di capire il motivo per cui si sarebbe verificato.

Il virus Zika si chiamerebbe in questo modo perché presente nelle scimmie che vivono nella foresta ugandese di Zika e sarebbe trasmesso dalla zanzara Aedes Aegypti ed Aedes Albopictus.

Al momento, però, non è certo che l’epidemia di microcefalia sia stata provocata proprio da questo virus perché il gran numero di casi si sarebbe verificato soltanto in Brasile e non in altri Paesi sudamericani e oceanici in cui il virus Zika è presente.

Il rischio più grande riguarderebbe le donne in gravidanza, con il pericolo che il feto nasca con microcefalite.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha già emanato un’allerta epidemiologica e l’attenzione è ora alta anche in Europa.

Si teme infatti che i casi possano aumentare e che il virus Zika possa espandersi anche in altri territori.

Ricetta elettronica valida in tutta Italia, anche al di fuori della regione di residenza

Pubblicato il 04 Gen 2016 alle 6:02am

Via libera con la possibilità di ottenere presto farmaci prescritti con ricetta elettronica in tutte le farmacie italiane, anche se si è fuori dalla propria regione di residenza.

E’ entrato infatti in vigore il decreto per il passaggio dalle prescrizioni cartacee a dematerializzate.

Per il cittadino, arriverà molto presto, dipende dagli ultimi adempimenti tecnici “una grande novità anche dal punto di vista pratico, perché l’attuale normativa prevede la spendibilità della ricetta solo all’interno della propria regione”, spiega Daniele D’Angelo, direttore generale di Promofarma, società di Federfarma dedicata a seguire il percorso di digitalizzazione.

“Ci vogliono però – conclude – dei tempi tecnici, presumibilmente qualche mese, affinché diventi realtà”.