gennaio 16th, 2016

Il premier Renzi a Caserta: “Investire sulla Campania. La Reggia? E’ un luogo davvero incredibile, organizzeremo qui un bilaterale”

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 1:05pm

Il premier Renzi è arrivato questa mattina a Caserta, per la cerimonia di riconsegna degli ambienti utilizzati dalla scuola specialisti dell’Aeronautica militare alla direzione del palazzo vanvitelliano.

Un vertice in primo luogo a porte chiuse con i ministri Franceschini e Pinotti ed il direttore della Reggia Felicori. Poi la visita e l’incontro con i cittadini.

Renzi ha visitato il piano nobile della Reggia e ha raggiunto il teatrino di corte dove è stato accolto dall’inno nazionale, in versione «jazz», eseguito dal coro delle voci bianche del Teatro San Carlo.

Entro 4 anni la Reggia di Caserta dovrà salire dai 500mila visitatori di oggi al milione, è la sfida e la promessa di Renzi.

“Se volevamo immaginare una risposta alle polemiche di oggi sui giornali – ha sottolineato il presidente del Consiglio – l’abbiamo avuto da questo luogo così incredibile: io qui non c’ero mai stato, vorrei invitare i giornalisti ad avere lo stesso stupore, la stessa sorpresa che abbiamo avuto noi. E’ più stupefacente di un lancio agenzia e di un titolo, tanta bellezza nel paese talvolta è nascosta, non riusciamo neanche a rendercene conto”.

“L’Italia – ha osservato Renzi – è una straordinaria emozione costante, l’Italia è lo stupore di trovarsi in un luogo che ha tutte caratteristiche tecniche incredibili: un parcheggio davanti, una stazione ferroviaria di rapido collegamento con Roma, 1 ora e 10, caratteristiche logistiche che ne rendono cruciale la valorizzazione: oggi siamo a 500mila visitatori, entro 4 anni arriveremo a 1 milione”.

Quindi ha assicurato: “Tra il 2016 e il 2017 organizzeremo alla Reggia di Caserta un bilaterale di qualche importanza”.

E relativamente alla questione ambientale, Renzi ha ribadito «l’impegno assunto con la Regione Campania e il presidente De Luca a rimuovere le ecoballe: con De Luca abbiamo impegno della Regione e i fondi per liberare le aree dove sono stoccati da anni questi rifiuti».

E sulla politica estera, Renzi ha sottolineato che «L’Europa non può essere soltanto un pacchetto di regole che ci troviamo a dover seguire, è un grande ideale o non è. È il tentativo di fare di questa parte del mondo un faro di civiltà e bellezza e non un’accozzaglia di regolamenti» ha detto il premier, che continua: «L’Italia deve farsi sentire e far capire, con la gentilezza che le è propria, che è finito il tempo in cui ci telecomandavano da fuori».

«Questa è una giornata storica, perché dopo decenni tutto il piano nobile della Reggia torna alla gestione museale nei tempi stabiliti l’anno scorso. Lavoriamo perché la Reggia sia come naturale uno dei grandi attrattori culturali e turistici del Paese su cui vogliamo far convergere una parte importante dei fondi di sviluppo e coesione dell’Unione europea» ha detto il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini. «La Reggia è oggetto di un grande processo di trasformazione, mi pare che stiamo lavorando per valorizzare uno dei luoghi più belli del mondo», ha concluso il ministro.

al-Qaeda, Burkina Faso, assalto jihadista a hotel: morti 23 turisti di 18 diverse nazionalità

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 11:42am

Un commando terrorista ha lanciato nel corso della notte un sanguinoso attacco ad un ristorante e un albergo frequentati da occidentali a Ouagadougou, preceduto dall’esplosione di due autobombe.

Sarebbero almeno 23 i morti, di 18 nazionalità diverse. L’operazione è stata rivendicata da al-Qaeda nel Maghreb Islamico a due mesi dopo l’attacco in Mali.

Questa mattina il governo del Burkina Faso ha annunciato la fine del blitz delle forze speciali per liberare la struttura dia terroristi.

Un primo bilancio parla di 126 ostaggi liberati e tre jihadisti morti. Secondo il ministro dell’Interno Simon Compaorè, un terzo attacco dei terroristi sarebbe attualmente in corso all’hotel Ybi, vicino all’area dei precedenti assalti, nel centro di Ouagadougou.

Milano Moda Uomo 2016, al via stasera la fashion week

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 10:41am

Parte stasera la Milano Moda Uomo 2016, la Settimana della moda milanese in cui verranno presentate le collezioni maschili per il prossimo Autunno/Inverno 2016-2017.

La Milano Fashion Week partirà con la sfilata di Roberto Cavalli e la presentazione del marchio Ports 1961.

Tra gli stilisti che porteranno in passerella le loro collezioni per la prossima stagione ci saranno anche Versace, Gucci, Prada, Giorgio Armani, Etro, Diesel Black Gold, Salvatore Ferragamo, Missoni, Antonio Marras, Ermanno Scervino e Dsquared2.

Tra le novità di nuova edizione, certamente, l’ingresso nel calendario ufficiale di Pal Zileri e l’esordio alla moda uomo di Peter Dundas che, dopo aver presentato a settembre la prima collezione femminile disegnata per Roberto Cavalli, si lancerà in questa nuova avventura tutta al maschile.

Altra collezione molto attesa è quella di Milano Ports 1961, brand diretto da Milan Vukmirovic, che presenterà la collezione uomo alla Fashion Week con una presentazione evento allestita allo Scalone Arengario (nella Sala delle Cariatidi) e il debutto di James Long, nuovo direttore creativo della linea uomo di Iceberg, brand che quest’anno non sfilerà ma presenterà le proprie creazioni con una vera e propria presentazione.

Patente di guida, no a chi soffre di apnee notturne

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 7:48am

Niente patente di guida per chi soffre di disturbi del sonno causati da apnee ostruttive notturne. A prevederlo è un decreto del ministero dell’infrastrutture e dei trasporti emesso il 22 dicembre 2015, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, in recepimento di una direttiva comunitaria sulle patenti di guida.

In particolare, il provvedimento prevede che “la patente non deve rilasciata o rinnovata a candidati o conducenti affetti da disturbo del sonno causati da apnee ostruttive notturne, tali da determinare una grave ed incoercibile sonnolenza diurna, con accentuata riduzione delle capacità dell’attenzione”.

Stesse restrizioni da applicare anche a coloro che soffrono di gravi affezioni neurologiche.

Il decreto del Ministero dei Trasporti – oltre ai possibili colpi di sonno da apnee notturne – aggiunge le malattie neurologiche tutte quelle patologie che possono inibire il rilascio o anche il rinnovo della patente di guida.

In questo senso il provvedimento modifica il decreto legislativo 59 del 2011, aggiungendo un paragrafo – l’H, che segue quello G dedicato alle ‘Turbe psichiche’ – denominato Malattie neurologiche.

Nello specifico, si legge nel decreto, “la patente di guida non deve essere né rilasciata né rinnovata a candidati o conducenti colpiti da gravi affezioni neurologiche di grado tale da risultare incompatibili con la sicurezza della guida”.

Elisa, ritorna all’inglese con “No Hero”, nuovo singolo e anticipo dell’album in uscita a marzo

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 7:45am

Si intitola “No Hero” il nuovo singolo di Elisa. Un’uscita che arriva a tre anni di distanza dall’ultimo successo, “L’anima vola” e da un album interamente in italiano. (altro…)

Defibrillatori obbligatori nei luoghi di sport, ma scatta la proroga

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 6:40am

E’ un obbligo per salvare vite umane, stabilito nel 2013 dal decreto governativo Balduzzi che dava 30 mesi di tempo alle società sportive dilettantistiche per attrezzarsi di defibrillatori e di personale in grado di saperli usare.

I trenta mesi sono ormai scaduti, ma è stata concessa una proroga all’obbligo di dotazione di questi dispositivi “salva vita”.

Sarebbero sorti diversi problemi ancora irrisolti. La proroga concede altri 6 mesi di tempo (fino al 1° luglio 2016) per risolvere i problemi che ci sono.

Le richieste da parte di società, palestre, centri ricreativi sono davvero tante ma non tutte possono essere accettate.

Manca infatti un regolamento preciso per tutte. Indicazioni su come e dove formare il personale competente e, in molti casi, mancano non ci sono neppure i fondi.

La UISP (unione italiana sport per tutti) che rappresenta circa 18.000 società dilettantistiche del territorio nazionale non è ancora nelle condizioni di poter aiutare molte di queste strutture.

Tant’è che spiegano i responsabili: “Non riusciamo a spiegare a chi ci contatta come comportarsi quando le attività sportive vengono svolte all’aperto e non in un campo sportivo o perché, ad esempio, il defibrillatore non è previsto per le bocce né per biliardo, golf, pesca sportiva di superficie, caccia sportiva, sport di tiro , giochi da tavolo e sport assimilabili. Non risulta obbligatorio nemmeno per yoga o Tai chi in parchi o giardini”..

Sharon Stone senza trucco in un selfie su Instagram

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 6:05am

Sharon Stone si mostra ai fan in un momento di relax, in un selfie in cui la si vede leggere la sua e-mail accanto al suo cagnolino, con il viso sorretto dalle mani, senza trucco e con una fascia tra i capelli.

L’attrice 58 anni suonati è ancora bellissima. E a pensarla così anche milioni di fan che sui social si sono sbizzarriti ad esprimere il proprio parere, sotto l’immagine condivisa su Instagram.