gennaio 31st, 2016

Celiachia: aumentano i casi in Italia

Pubblicato il 31 Gen 2016 alle 12:41pm

Il Ministero della Salute ha annunciato un cospicuo aumento dei casi di celiachia, ovvero il 15% in più rispetto agli anni passati, precisando anche che più della metà risiede nelle regioni del Nord.

La celiachia, ricordiamo, che è una patologia capace di impedire al soggetto di assimilare il glutine e di impedire di consumare diversi prodotti, tra cui anche pane e pasta.

Una malattia che ha alla base un fattore genetico, ma che può anche subentrare per cambiamenti ambientali che con l’aumento di inquinamento e di uso di prodotti chimici nell’agricoltura ha favorito l’aumento di allergie e intolleranze.

Secondo i dati forniti sembrerebbe che la prima regione più esposta a questa patologia sia la Lombardia con tutto il Nord che guida la classifica (48%), il centro con il 22% e il sud con il 19%.

Sorpresa: chi mangia carne muore nella stessa percentuale di vegani e vegetariani

Pubblicato il 31 Gen 2016 alle 10:57am

Un consumo limitato di carne non ridurrebbe l’aspettativa di vita, rispetto a chi conduce una dieta vegana o vegetariana.

Ne sono convinti i ricercatori dell’università di Oxford che hanno confrontato i dati di mortalità totale e le singole cause di due grandi studi prospettici della popolazione: l’Oxford Vegetarian Study (OVS) e l’EPIC-Oxford (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition-Oxford).

L’analisi ha riguardato abitudini alimentari e stato di salute di 60.310 adulti, tra vegetariani, vegani e consumatori di carne del Regno Unito negli ultimi 30 anni, valutando conseguentemente anche il rischio di malattie.

Ebbene, da tale studio sarebbe emerso che non ci sono significative differenze di mortalità tra i gruppi presi in esame. Vegani e vegetariani non hanno una vita più lunga rispetto a chi mangia invece poca carne.

Infatti le cause di morte, per cancro pancreatico e per malattie respiratorie, sostengono gli esperti, nelle persone che consumavano carne con moderazione sono risultate essere del 30-45% inferiori rispetto a quanto rilevato invece fra coloro che ne consumavano 5 volte alla settimana.

Anche se, rispetto a quest’ultimo gruppo, la mortalità per cancro pancreatico e tumori del sistema linfopoietico risulta essere dimezzata per vegetariani e vegani.

Mentre la mortalità per tutti i tumori è risultata inferiore del 10% per chi non consuma alimenti di origine animale rispetto agli altri gruppi.

L’attore «bianco» Joseph Fiennes avrà il volto di Michael Jackson

Pubblicato il 31 Gen 2016 alle 7:46am

Un attore bianco è stato scelto per interpretare l’icona afroamericana, il re del pop, Michael Jackson. Si tratta di Joseph Fiennes nel film Tv inglese Elizabeth, Michael & Marlon, prodotto dal britannico Sky Arts.

La commedia televisiva racconterà il viaggio on the road da New York a Los Angeles che il cantante avrebbe fatto nel 2001 con Elizabeth Taylor (Stockard Channing) e Marlon Brando (Brian Cox), all’indomani degli attacchi dell’11 settembre.

Il Daily Beast ha definito tale scelta come «un sintomo del profondo problema razziale di Hollywood».

Il quotidiano New York Daily News dedica alla notizia anche una copertina a questa insolita scelta.

Il New York Times riprende invece le reazioni incredule su Twitter di chi ha definito la notizia «tanto assurda quanto divertente».

«Sono scioccato quanto voi», ha detto Fiennes, candidato all’Oscar per Shakespeare in Love e già visto nelle serie FlashForward e American Horror Story.

«Jackson aveva un problema di pigmentazione ed è una cosa a cui credo. Tutto sommato, aveva una pelle più simile alla mia che al suo colore originale».

Il trailer ufficiale de “La Pazza Gioia” di Paolo Virzì

Pubblicato il 31 Gen 2016 alle 7:23am

Il canale YouTube della casa di distribuzione cinematografica 01 Distribution ha pubblicato il trailer di La pazza gioia, nuovo film di Paolo Virzì, le cui attrici principali sono Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti, moglie di Virzì dal 2009.

Il film è stato girato in Toscana ed è stato definito una “commedia drammatica”.

Parlando del film, Virzì ha dichiarato è «una passeggiata fuori da una struttura clinica che si occupa di donne con problemi in quel manicomio a cielo aperto che è l’Italia».

La trama del film: Beatrice Morandini Valdirana è una chiacchierona istrionica, sedicente contessa e a suo dire in intimità coi potenti della Terra. Donatella Morelli una giovane donna tatuata, fragile e silenziosa, che custodisce un doloroso segreto. Sono tutte e due ospiti di una comunità terapeutica per donne con disturbi mentali, dove sono sottoposte a misure di custodia giudiziaria. Il film racconta la loro imprevedibile amicizia, che porterà ad una fuga strampalata e toccante, alla ricerca di un po’ di felicità in quel manicomio a cielo aperto che è il mondo dei sani.

Family Day 2016, Alfano “Con la mente e con il cuore lì”

Pubblicato il 31 Gen 2016 alle 6:57am

Non era presente, il ministro dell’Interno, Angelino Alfano per i suoi impegni istituzionali, al Family Day 2016, la mobilitazione che si è tenuta ieri contro il ddl Cirinnà sulle unioni civili.

Ma come lui stesso ha sottolineato, affidando il suo pensiero a Twitter e parlando di «adesione piena agli obiettivi della manifestazione» era lì con «mente e cuore».

A pochi minuti dall’inizio del concentramento dei manifestanti al Circo Massimo, ha ribadito il concetto incontrando al Viminale l’organizzatore dell’evento, Massimo Gandolfini, affiancato dal ministro alla Famiglia, Enrico Costa, esponente del suo stesso partito, fresco di nomina nell’esecutivo.

Il Ncd, ricordiamo è da sempre schierato contro l’equiparazione tra coppie di fatto e famiglia tradizionale tanto da annunciare battaglia in aula contro il decreto, soprattutto nella parte relativa alla cosiddetta stepchild adoption, la possibilità, per le coppie omosessuali, che un convivente adotti legalmente il figlio naturale del partner.

Airc, 2 milioni di morti l’anno per colpa di sedentarietà e obesità

Pubblicato il 31 Gen 2016 alle 6:13am

La battaglia contro il cancro si combatte anche con una sana alimentazione e una regolare attività fisica.

Obesità e sedentarietà, assicurano gli esperti dell’Airc, sono tra le principali cause di quasi 2 milioni di morti l’anno per questa terribile malattia, che anche quest’anno hanno presentato l’iniziativa arance della salute, per portare nelle oltre 2.500 piazze italiane la prevenzione e la raccolta fondi per ricerca scientifica.

Si sa, spiega l’Airc che un’alimentazione sana previene i tumori, “quello che tutt’oggi, però, resta sottovalutato è il ruolo dell’esercizio fisico che, come ricordano gli esperti del Sistema Sanitario Britannico, andrebbe prescritto come una medicina, perché può essere altrettanto efficace di un farmaco”.

Diversi studi dimostrano infatti che “un’attività fisica regolare diminuirebbe del 30-40% il rischio di tumore al colon, del 20-40% di quello all’endometrio e del 20% di quello al polmone, oltre a contribuire alla prevenzione del cancro al seno”.