febbraio 6th, 2016

Settantamila fedeli in Piazza San Pietro per Padre Pio e Padre Leopoldo da Padova

Pubblicato il 06 Feb 2016 alle 2:10pm

Circa 70 mila pellegrini, dalle ore 5 di questa mattina, hanno gremito Piazza San Pietro alla presenza di circa mille uomini delle forze dell’ordine.

«Padre Pio è un servitore della Misericordia che ha creato tante oasi di vita in molte parti del mondo», ha sottolineato Papa Francesco salutando i devoti dei vari gruppi di preghiera definiti da padre Pio quando era frate, «focolai d’amore».

Con l’arrivo in piazza San Pietro dei santi, i fedeli si sono radunati per l’udienza dedicata ai due profeti, simbolo della Misericordia.

Le due salme arrivate venerdì in processione su Ponte Sant’Angelo, rimarranno nella Basilica di San Pietro fino al prossimo 11 febbraio. la città è andata in tilt.

Dopo il giro della piazza a bordo della papamobile, Papa Francesco si è rivolto ai fedeli con queste parole: «Quanta gente ha bisogno di carezze per aver la forza per portare avanti la malattia o per presentarsi al Signore».

Il Pontefice ha poi incontrato i vari gruppi di fedeli di Padre Pio e con loro ha ribadito l’importanza della preghiera.

«La preghiera è una vera e propria missione che porta il fuoco dell’amore all’intera umanità» ha esordito dicendo Papa Bergoglio.

«Diceva Padre Pio: la preghiera è una forza che muove il mondo, spande il sorriso su ogni languore e debolezza, la preghiera non è una buona pratica per mettere pace nel cuore, se fosse così sarebbe mossa da un sottile egoismo: io prego per star bene come prendere un’aspirina? no, non è così: la preghiera è un’altra cosa, è un’opera di misericordia spirituale che vuole portare tutto al cuore di Dio, è un dono di fede e amore».

Infine ha sottolineato Francesco: «È affidare la chiesa e le persone al Padre perché se ne prenda cura».

Il Papa durante il giro consueto con la papamobile ha baciato molti bambini e ammalati presenti in piazza.

Foto Ansa

Oggi a Roma la salma dello studente italiano Giulio Regeni, ucciso brutalmente a Il Cairo

Pubblicato il 06 Feb 2016 alle 11:56am

Ci sono due arresti per la morte dello studente italiano Giulio Regeni. Lo hanno riferito fonti della sicurezza egiziana.

Attesa per oggi alle 13, all’aeroporto di Fiumicino, la salma del giovane proveniente dal Cairo.

Il corpo sarà trasferito all’istituto di medicina legale La Sapienza dove sarà eseguita una nuova autopsia, disposta dalla procura di Roma che continua con le indagini dell’omicidio del volontario.

Il magistrato ha avviato una rogatoria internazionale per ottenere la trasmissione degli atti da parte dell’autorità egiziana che dovrebbe avvenire sotto forma di cortesia internazionale non essendoci trattati di assistenza giudiziaria tra i due Paesi.

Un team di investigatori italiani seguirà con le autorità egiziane le indagini sulla morte del giovane friulano.

Fonti italiane stanno cercando di ricostruire cosa è accaduto a Giulio. Si cerca tra i sindacati indipendenti, i contatti con attivisti e soggetti critici nei confronti di Al Sisi, gli scioperi e le manifestazioni di protesta a cui il giovane ha partecipato.

Giappone, vulcano Sakurajima in eruzione, paura per la vicina centrale nucleare

Pubblicato il 06 Feb 2016 alle 11:08am

Sono ore di allerta in Giappone, a causa dell’eruzione del vulcano Sakurajima. Scattata anche l’emergenza 3, che impone alla popolazione di non avvicinarsi al vulcano.

Il cratere è posizionato a circa 50 chilometri dalla centrale nucleare di Sendai, riaperta un anno fa dopo il blocco forzato del 2011 dovuto per la catastrofe di Fukushima.

Il vulcano si è risvegliato nel tardo pomeriggio di ieri. Lo ha annunciato il servizio meteorologico nazionale mentre la televisione giapponese mandava in onda immagini spettacolari di fontane di lava incandescente che si infrangevano contro un cielo scuro.

Intorno alle 19 locali (le 11 italiane), una spettacolare raffica di lapilli di colore arancione ha illuminato il crepuscolo, mentre la lava scendeva giù dalla montagna.

J. Baez 4 date italiane: 13 luglio Ravenna, 14 Gardone, 16 Recanati, 18 Roma

Pubblicato il 06 Feb 2016 alle 7:45am

Mercoledì 13 luglio chiuderà il Ravenna Festival con il tour “An evening with Joan Baez” la grande folk singer statunitense, in scena al Pala de Andrè.

Un evento conclusivo della 27/a edizione, primo appuntamento di un tour italiano di ben quattro date (il 14 luglio a Gardone Riviera, il 16 luglio a Recanati e il 18 luglio a Roma) ma occasione per ripercorrere una lunga carriera iniziata ben oltre 50 anni fa.

Mezzo secolo durante il quale Joan Baez si è sempre rinnovata ed è sempre stata alla ricerca di una buona canzone, di una giusta causa da sostenere, confermandosi una grande artista a livello internazionale.

Per Info e prevendite: www.ravennafestival.org.

Cani battono gatti: rendono più felici i loro proprietari

Pubblicato il 06 Feb 2016 alle 7:09am

Gli amici a quattro zampe rendono la vita migliore. Il cane più del gatto. Ne sono certi gli scienziati del Manhattanville College di New York che hanno condotto lo studio “La felicità è un cucciolo caldo?”, indagando sul bellissimo rapporto che esiste tra proprietari e animali.

Tant’è, che è emerso anche che chi ha un cane è più felice, meno soggetto a nevrosi e a maggior concentrazione rispetto a chi invece ha un gatto.

Questo, perché, spiegano gli esperti sarebbe più soddisfatto della sua vita rispetto a chi non avrebbe animali.

Tutto dipenderebbe secondo gli autori dello studio, dalla ossitocina, soprannominata “l’ormone dell’amore”: più presente nell’organismo dei cani quando stanno vicino a noi, a dimostrazione che ci amano più dei gatti.

Dieci cani e dieci gatti sono stati testati in due occasioni diverse appena prima e dopo aver giocato con i loro proprietari.

Ebbene, i cani hanno registrato un aumento dell’ormone nel sangue del 57,2%, mentre i gatti quasi cinque volte in meno, soltanto del 12, dimostrando anche che provano più amore e affetto.

Papa Francesco incontrerà a Cuba il patriarca di Mosca Kyrill, evento storico

Pubblicato il 06 Feb 2016 alle 6:32am

Papa Francesco e il patriarca di Mosca Kyrill si incontreranno a Cuba il prossimo 12 febbraio, quando il Pontefice farà tappa lì prima del viaggio che lo porterà in Messico.

Lo hanno annunciato congiuntamente la Sante Sede e il Patriarcato di Mosca, definendo il loro come un “incontro storico”.

I due si incontreranno presso l’aeroporto di L’Avana e rilasceranno una dichiarazione comune. A spingere per un incontro fuori dai confini d’Europa lo stesso patriarca.

Padre Lombardi ha dichiarato “Questo incontro, preparato da lungo tempo, sarà il primo nella storia e segnerà una tappa importante nelle relazioni tra le due Chiese. La Santa Sede e il Patriarcato di Mosca auspicano che sia anche un segno di speranza per tutti gli uomini di buona volontà. Invitano tutti i cristiani a pregare con fervore affinché Dio benedica questo incontro, che possa produrre buoni frutti”.

Mentre secondo dichiarato da il metropolita Ilarion, capo del dipartimento per le relazioni esterne della chiesa ortodossa russa Kyrill “Voleva incontrare il Pontefice fuori dall’Europa, perché proprio all’Europa è legata la dura storia delle divisioni e dei conflitti tra i cristiani”.

Tendenze capelli Primavera Estate 2016

Pubblicato il 06 Feb 2016 alle 6:10am

I tagli di capelli per la prossima stagione Primavera-Estate 2016 riprendono alcuni dei trend già in voga della stagione passata.

La frangia ad esempio, sembra essere ancora protagonista. A tendina, appena accennata, o più folta si abbina bene alla riga centrale lasciando scoperta parte della fronte.

I ciuffi si spostano verso i lati della nuca ponendo maggiore risalto alla forma del viso.

I capelli lunghi si portano con onde romantiche, ben definite o ricci, la frangia asseconda il naturale movimento dei capelli, e può essere portata anche liscia.

I tagli possono essere scalati, con capelli lisci e con poco volume, righe laterali con ciuffo o frangia piena o dal taglio pari.

E per le donne che amano un look più naturale, senza per forza dover ricorrere ad un parrucchiere la scelta cade su di un’acconciatura con riga centrale e con ciuffo.

Altra soluzione, più raffinata in questo caso, è quella di fissare i capelli frontali alla base della nuca con una forcina (lasciata rigorosamente in vista) in modo da ricreare un finto ciuffo laterale.

I tagli medio-corti possono essere più estremi, con capelli quasi rasati a zero.

I pixie cut con frangetta appena accennata o più lunga e folta è per coloro che vogliono lasciarla mossa per donare movimento al volto, essere alla moda, pratiche e raffinate.

Insomma, ce ne è davvero per tutte e per tutti i gusti! Basta solo scegliere il taglio più giusto che fa per noi!