Farmaci per dimagrire vietati dai Nas

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 15 Feb 2016 alle ore 11:54am

farmaci dimagranti rischi
Il Comando dei Carabinieri per la Tutela della salute, su indicazione del Ministro per la Salute, Beatrice, Lorenzin, nelle ultime settimane ha intensificato i controlli accertando il rispetto dei divieti di prescrizione e preparazione di farmaci contenenti principi attivi utilizzati a scopo dimagrante.

Gli accertamenti dei carabinieri hanno interessato circa 840 farmacie e oltre 75 studi di medici prescrittori su tutto il territorio nazionale.

Rilevate condotte illecite in 11 farmacie e 12 studi, che hanno portato alla contestazione di 49 violazioni del codice penale, anche per commercio e somministrazione di medicinali guasti e imperfetti, e alla segnalazione di 29 trasgressori alle competenti autorità giudiziarie.

Sequestarti oltre 1.200 grammi di principi attivi.

I decreti del Ministro Lorenzin, adottati da maggio a dicembre 2015, vietano la prescrizione da parte di medici e l’allestimento ad opera dei farmacisti di preparazioni magistrali contenenti i seguenti principi attivi per scopo dimagrante: fenilpropanolamina-norefedrina, pseudoefedrina, triac, clorazepato, fluoxetina, furosemide, metformina, bupropione, topiramato ed efedrina.

Sostanze, autorizzate invece per altri trattamenti farmacologici come: ansia, depressione, diabete, raffreddore, ipertensione, venivano utilizzate e prescritte in preparazioni galeniche a scopo dimagrante, per finalità meramente estetiche.

I citati divieti sono stati emanati tenendo conto delle valutazioni tecnico-scientifiche dell’Agenzia Italiana del Farmaco, che ha fatto pervenire al Ministero segnalazioni di sospetta reazione avversa della Rete Nazionale di Farmacovigilanza.

Preparazioni che risultano sprovviste di foglietto illustrativo a cui il paziente possa fare riferimento per informarsi sulle caratteristiche del prodotto, somministrazione, effetti collaterali.