giulio regeni ricercatore italiano
Proseguono intanto le indagini sull’uccisione di Giulio Regeni, il ricercatore italiano brutalmente ucciso in Egitto.

Secondo nuove rivelazioni, emergerebbe che il giovane fiulano quando era a Londra, pare abbia lavorato per un anno presso un’azienda d’intelligence: la Oxford Analytica, fondata da un ex funzionario americano implicato nello scandalo Watergate.

Realtà che analizzerebbe tendenze politiche ed economiche su scala globale per enti privati, agenzie e cinquanta governi. Dal settembre 2013 al settembre 2014, come riporta La Stampa, Giulio avrebbe lavorato alla produzione del “Daily Brief”, una decina di articoli pubblicati quotidianamente per clienti d’elite.

“Era un collega fantastico” – “Giulio era un collega fantastico, socievole, divertente. Ci manca molto”, ricorda Ram Mashru, che con Giulio divideva la stanza presso la Oxford Analytica. E aggiunge “Era estremamente cauto nel condurre il suo lavoro. Certo, c’è sempre la possibilità che abbia attirato l’attenzione di qualche gruppo pericoloso, ma da quanto sappiamo Giulio non si comportava in maniera avventata o negligente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.