medici senza frontiere2
Gli ospedali siriani di Medici senza frontiere nei territori controllati dall’opposizione siriana hanno deciso di non fornire più le loro coordinate satellitari alle autorità sia russe che siriane.

A comunicarlo è Medici Senza Frontiere che sottolinea anche come tale decisione sia stata presa in seguito ai bombardamenti avvenuti sulle strutture di Idlib e Azaz che hanno portato alla morte di 50 persone.

Per gli operatori umanitari fornire la propria posizione ai militari è una pratica molto diffusa che mette al riparo da possibili bombardamenti pazienti e feriti.

In Siria, però, sta succedendo l’effetto contrario. Un membro di uno staff medico, parlando in forma anonima al Guardian, ha spiegato come il governo siriano sia riuscito a colpire deliberatamente gli ospedali delle zone assediate sottolineando anche come i dottori stessi siano diventati obiettivo del regime di Assad.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.