Mal di testa, presto un vaccino per ridurre attacchi del 63% in soli 3 mesi

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 21 Feb 2016 alle ore 7:33am

mal di testa vaccino
A Roma è stato costruito con successo un anticorpo contro il mal di testa. Fabbricato in laboratorio presto sarà anche sperimentato sull’uomo.

Si tratterebbe di un vero e proprio “vaccino” che potrà prevenire questa sofferenza fisica, capace di distrugge la vita di milioni di persone.

L’anticorpo in questione andrebbe ad agire contro la sostanza fisiologica chiamata CGRP (Calcitonin Gene Related Peptide) che quando è presente in grande quantità sarebbe anche capace di provocare l’emicrania.

Allo IRCCS del San Raffaele di Roma ci starebbe lavorando da anni e ora finalmente si sarebbe giunti ad un ottimo risultato.

I primi test dimostrerebbero infatti, che con l’uso di questo anticorpo gli attacchi di mal di testa si ridurrebbero del 62% in soli tre mesi!

Il tutto funzionerebbe proprio come l’insulina dei diabetici. L’anticorpo verrebbe iniettato sottopelle e basterebbe una sola inoculazione al mese per avere effetti immediati e duraturi.

Oltre all’azione rapida ed efficace, questo “vaccino” anti mal di testa non causerebbe quelle fastidiose conseguenze come sonnolenza, astenia e in alcuni casi anche aumento di peso che invece sono legate ai medicinali tradizionali. E mentre i medici ricordano che curare il mal di testa cronico non è una cosa semplice e richiede studio e impegno da parte di medico e paziente, si indicano i soggetti che potranno usufruire del primo vaccino anti mal di testa e cioè: persone con emicrania cronica che si presenta ogni 15 giorni circa per tre mesi di seguito.