malattie digestive
Negli ospedali italiani solo il 7,4% dei pazienti con malattie a carico dell’apparato digerente è stato curato nel modo più opportuno, ovvero da un gastroenterologo.

A lanciare l’allarme, una ricerca sviluppata dall’Associazione italiana gastroenterologi e endoscopisti ospedalieri (Aigo) in collaborazione con il ministero della Salute, che ha analizzato per la prima volta in Italia oltre 4 milioni 800mila casi di pazienti ricoverati negli ospedali italiani tra il 2010 e il 2014.

La ricerca presentata alcuni giorni fa al convegno “Appropriatezza: valore determinante per il Sistema sanitario nazionale. Il contributo della gastroenterologia” al ministero della Salute ha lanciato un vero e proprio allarme.

I pazienti ricoverati per malattie dell’apparato digerente nel reparto ‘sbagliato’ sarebbero il 49,8% in unità di chirurgia, il 23,9% in quello di medicina, il 5% in quello di pediatria e il 13,6% in altre unità operative. Cosa che comporterebbe gravi conseguenze in termini di ricovero più lungo, spreco di denaro pubblico, e rischi per la salute dei pazienti.

Tant’è che sarebbe anche emerso, al di fuori dei reparti di gastroenterologia, una mortalità intraospedaliera per malattie dell’apparato digerente praticamente raddoppiata, passando dal 2,2% ad una media del 4,1%. Per poter assicurare a tutti i pazienti le migliori cure, l’Aigo è del parere che si debbano creare delle reti regionali per le emergenze e il potenziamento e l’omogenea distribuzione sul territorio nazionale dei posti letto di gastroenterologia, anche ipotizzando l’utilizzo di posti di chirurgia inappropriatamente impiegati per erogare cure gastroenterologiche.

I gastroenterologi italiani sottolineano che se tutti i pazienti con malattie dell’apparato digerente fossero ricoverati nel reparto appropriato, si registrerebbe anche un risparmio di almeno 360mila giornate di degenza l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.