marzo 17th, 2016

Scott Bradlee’s Postmodern Jukebox: il nuovo fenomeno swing mondiale in concerto all’Alcatraz di Milano il 6 aprile 2016

Pubblicato il 17 Mar 2016 alle 12:28pm

Il 6 aprile 2016 gli SCOTT BRADLEE’S POSTMODERN JUKEBOX, la rivelazione swing americana, fenomeno di Youtube grazie alla cover di Miley Cyrus “We can’t stop”, saranno in concerto nel nostro Paese per l’unica data italiana del tour all’Alcatraz di Milano (via Valtellina, 25). (altro…)

Gb, ragazza sanguina da occhi e da più parti del corpo: i medici non capiscono il perché

Pubblicato il 17 Mar 2016 alle 8:00am

Marnie-Rae Harvey, 17 anni, è dal marzo 2013 che ha iniziato a perdere sangue da un occhio e, col tempo, le emorragie si sono manifestate anche dal naso, dalle gengive, dalle unghie e dal cuoio capelluto. In pratica, qualsiasi cosa sfiori, anche con un polpastrello, sul proprio corpo inizierebbe a sanguinare.

Per prima cosa si è pensato a una delle tante forme di leucemia e si sono eseguiti gli opportuni esami ma i risultati lo hanno escluso.

Le ricerche sono continuate. I genitori di Marnie l’hanno portata anche all’estero e alla fine l’unica diagnosi è stata quella di un problema al sistema immunitario.

Un disturbo, che tutt’oggi viene ancora definito “misterioso”. Nessuna ferita, problemi di coagulazione, né disfunzioni della ghiandola lacrimale sebbene i sintomi parlino di forte debolezza e vertigini.

Ulteriori esami sono previsti tra marzo e aprile, con l’utilizzo di terapie che portano alla menopausa con la speranza che possa trattarsi di una forma anomala e unica al mondo di endometriosi, e pertanto curarla.

Con un trattamento non è esente da pesanti effetti collaterali. Nel 70% dei casi la sterilità.

Pillola del giorno dopo, l’Aifa dispone acquisto senza ricetta per le maggiorenni

Pubblicato il 17 Mar 2016 alle 7:50am

Per procurarsi in farmacia la pillola del giorno dopo non occorrerà più avere a disposizione la ricetta, se si è maggiorenni. (altro…)

Tumore al seno sconfitto da un potente cocktail di farmaci in soli 11 giorni

Pubblicato il 17 Mar 2016 alle 7:13am

Una recente ricerca sta facendo il giro del mondo. Denominata EPHOS B è stata presentata nel corso del simposio tematico European Breast Cancer Conference di Amsterdam e sarebbe in grado di eliminare completamente alcune forme tumorali alla mammella mediante il semplice utilizzo di un apposito cocktail di farmaci in grado di rendere superfluo il ricorso alla chemioterapia o a interventi chirurgici, in appena 11 giorni dall’inizio del trattamento farmacologico.

Lo studio, condotto su un campione statistico di 66 donne affette da cancro al seno, avrebbe infatti dimostrato le potenzialità dell’azione congiunta operata da due molecole antitumorali di tipo biologico, il trastuzumab (Herceptin) e Lapatinib, che avrebbe condotto l’11% delle pazienti a piena guarigione in poco meno di due settimane di cura e un ulteriore 17% a significativa regressione della massa tumorale.

Il mix di farmaci impiegato nel trattamento si baserebbe sulla capacità delle molecole di bloccare l’espressione del recettore Her 2, al quale è associata la comparsa della patologia e il suo progredire e replicarsi all’interno dell’organismo umano.

Identificati i batteri ‘mangia-plastica’ che divorano il pet e ripuliscono i mari

Pubblicato il 17 Mar 2016 alle 6:00am

Una importante scoperta potrà ripulire i mari del mondo. si tratta di batteri ‘mangia-pastica’: gli Ideonella sakaiensis 201-F6, che grazie a due enzimi sono in grado di scomporre il Pet (Polyethylene terephthalate), polimero utilizzato per rendere la plastica resistente e impiegato soprattutto nelle bottiglie.

Il merito è dei ricercatori coordinati da Shosuke Yoshida, del Kyoto Institute of Technology, il cui risultato è stato descritto sulla rivista Science.

Finora, solo poche specie di funghi, e non di batteri, sono stati identificati come capaci di degradare il Pet. In questo caso i ricercatori hanno raccolto 250 campioni di detriti di pet, presenti nel suolo, sedimenti e acque di scarico, cercando dei possibili batteri.

Ebbene, sono riusciti a identificarne uno nuovo, l’Ideonella sakaiensis 201-F6, che adopera il Pet come fonte principale di energia e carbonio, ed e’ in grado di ‘mangiare’ completamente una pellicola sottile di pet dopo 6 settimane, ad una temperatura di 30°. Se fatti crescere sul pet, i ceppi del batterio producono i due enzimi che lo scompongono in due monomeri piu’ semplici, amici dell’ambiente, con una reazione istantanea.

L’enzima ISF6_4831 lavorerebbe infatti con l’acqua per disintegrare il Pet in sostanze ‘intermedie’, che vengono poi ulteriormente scomposte dall’altro enzima, ISF6_0224. A differenza degli enzimi di altri batteri, la funzione di questi due sembrerebbe essere davvero unica.