marzo 28th, 2016

Pakistan: kamikaze fa strage di cristiani a Lahore, 72 morti. Arrestate 15 persone

Pubblicato il 28 Mar 2016 alle 12:30pm

E’ salito a 72 il numero delle vittime e a 320 quello dei feriti della violenta azione terrorista di ieri pomeriggio per mano di un kamikaze che si è fatto esplodere in un parco di Lahore, nel Pakistan centrale, dove si erano raccolte molte persone di religione cristiana per celebrare all’aperto con le famiglie la Santa Pasqua.

A confermare il bilancio, un responsabile del governo della provincia del Punjab a detto alla tv Express News che “le operazioni di soccorso sono ancora in pieno svolgimento”.

Fra le vittime ci sarebbero una trentina di bambini, che nel momento dello scoppio utilizzavano i giochi e le attrezzature sportive del Gulshan-e-Iqbal Park.

Le autorità hanno indetto tre giorni di lutto, mentre si cerca di risalire ai responsabili del movimento Jamat ul Ahrar che ha rivendicato l’attentato.

La polizia pachistana ha arrestato nelle ultime ore 15 persone. Lo riferisce oggi Geo Tv. Fra gli arrestati anche tre fratelli del giovane kamikaze che si è fatto esplodere fra le famiglie nel Gulshan-e-Iqbal Park della città.

L’attentatore suicida è stato identificato. Si tratta di Yousuf, 28 anni, figlio di Ghulam Farid e residente nel distretto di Muzzafargarh.

Bruxelles, kamikaze della metro passò per l’Italia la scorsa estate

Pubblicato il 28 Mar 2016 alle 11:28am

Khalid El Bakraoui, il kamikaze della stazione della metropolitana di Maelbeek di Bruxelles è passato per l’Italia estate scorsa, prima di dirigersi in Grecia. Gli uomini dell’antiterrorismo, secondo quanto appreso da Sky TG24 HD, hanno ricostruito i suoi spostamenti: il 23 luglio 2015 ore 8:25 Khalid El Bakraoui sarebbe atterrato all’aeroporto di Treviso con un volo Ryanair proveniente da Bruxelles.

Il biglietto era stato acquistato con carta di credito da un altro uomo: Abderahman Benamor.

Al momento del check-in a Bruxelles El Bakraoui si sarebbe registrato con documento d’identità belga.

Il giorno dopo, 24 luglio 2015, il nominativo di Khalid risulterebbe su di un volo Volotea partito dall’aeroporto Marco Polo di Venezia ore 06:00 destinazione Atene.

Nella notte tra il 23 ed il 24 luglio l’uomo avrebbe pernottato all’hotel Courtyard by Marriott Venice Airport di Venezia, e il 1 agosto 2015 Salah Abdeslam sarebbe stato visto nel porto di Bari in direzione di Patrasso.

Sempre in Grecia, in un appartamento di Atene abitato da Abaaoud, dove e’ stata trovata anche la mappa dell’aeroporto di Bruxelles.

Amici 15, le anticipazioni di ciò che vedremo nella puntata serale del 2 aprile

Pubblicato il 28 Mar 2016 alle 9:00am

Sabato 26 marzo è stata registrata la prima puntata del serale di Amici 15, che sarà trasmessa su Canale 5 il prossimo sabato 2 aprile. (altro…)

Cucine da incubo 4, dal 27 marzo su Canale Nove con Antonino Cannavacciuolo

Pubblicato il 28 Mar 2016 alle 8:26am

E’ tornato dal 27 marzo, per la prima volta in chiaro, su canale Nove ‘Cucine da Incubo’, il cooking show diretto e guidato dallo chef italiano Antonino Cannavacciuolo, uno dei quattro giudici di MasterChef Italia già conosciuto per la sua brillante carriera imprenditoriale, oltre all’essere proprietario dell’hotel ristorante con due Stelle Michelin Villa Crespi sul Lago d’Orta. (altro…)

Infarto, l’età media scende a 60 anni

Pubblicato il 28 Mar 2016 alle 7:35am

Scende da 64 a 60 anni l’età media delle persone che possono essere colpite da infarto. E’ quanto emergerebbe da uno studio condotto dalla Cleveland Clinic e presentato all’American College of Cardiology che ha esaminato circa 3.900 pazienti vittime della forma più grave di infarto tra il 1995 e il 2014.

I ricercatori hanno rilevato una maggiore incidenza di quelli che sono i maggiori fattori di rischio: ipertensione, obesità e diabete.

In prevalenza l’obesità passata dal 31% al 40%.

Ma anche il tasso di diabete sarebbe risultato più alto, passando dal 24 al 31%, mentre l’ipertensione sarebbe passata dal 55% al 77%.

L’importanza della prevenzione sottolineano ancora gli autori dello studio, la proporzione di chi ha più di tre fattori di rischio per l’infarto risulta essere passata, nel periodo considerato, dal 65% all’85%: “Se sul fronte delle terapie abbiamo fatto grandi passi avanti in 20 anni – sottolinea Samir Kapadia, uno dei ricercatori -, molto c’è da fare sotto l’aspetto prevenzione. Durante le visite di controllo bisogna insistere di più con i pazienti per un corretto stile di vita”.

Robert De Niro ritira film anti vaccinazioni dal Tribeca Film Festival

Pubblicato il 28 Mar 2016 alle 6:15am

Dopo giornate di polemiche, Robert De Niro ha deciso di ritirare dal Tribeca Film Festival il controverso film Vaxxed: from Cover-Up to Catastrophe (Vaccinati: dall’insabbiamento alla catastrofe) di Andrew Wakefield, il medico che accusa le autorità americane di aver nascosto i dati di uno studio che indicherebbe un rapporto tra la diffusione delle vaccinazioni e l’aumento delle diagnosi di autismo.

“Non credo che il film possa contribuire alla discussione come avevo sperato”, ha detto l’attore per spiegare la sua decisione.

Il film era stato scelto per aprire il celebre festival newyorkese, in programma dal 13 al 24 aprile, ma l’annuncio aveva scatenato la reazione dei media e del mondo scientifico.

Anche, perché le teorie di Wakefield sono state ampiamente smentite e il medico, accusato di aver falsificato tali dati, è stato radiato dall’albo e non potrà più esercitare.

Secondo i medici, inoltre, simili teorie avrebbero anche condizionato le scelte di molti genitori che avrebbero deciso di non vaccinare più i propri figli esponendoli a rischi ancora superiori.