Lotta alla sedentarietà fino al 2025: esenzione fiscale a chi fa ginnastica

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 10 Apr 2016 alle ore 6:35am

correre
L’attività fisica è talmente importante nella vita di una persona che l’Organizzazione Mondiale della Sanità propone di dare l’esenzione fiscale a chi la pratichi con una certa costanza. Infatti, basterebbero soltanto 20 minuti di sport o moto al giorno per un adulto per garantirgli un minimo di buona salute.

Il nostro Paese detiene il record europeo di popolazione sedentaria. Per salvarsi e per salvare i nostri figli è bene dunque non stare fermi, fare ginnastica, sport e chi più ne ha più ne metta, seguendo anche quelle che sono le linee guida 2016-2020 OMS.

Non un titolo a caso è stato scelto questo slogan: “Strategia per l’attività fisica OMS-Organizzazione Mondiale della Sanità 2016-2020″, perché il movimento fisico veramente fa bene ed è parte di una serie di strategie che possono prolungarci la vita, tra cui anche una sana dieta e la moderazione degli eccessi.

E chi non può permettersi la palestra può optare anche per una bella corsetta o camminata veloce all’aria aperta, o su tapiroulant a casa, o addirittura un po’ di esercizi fatti tra le mura domestiche, o ancora una bella passeggiata in bicicletta, una partita di calcetto o di tennis, l’importante è sempre muoversi, non sedersi per ore.

E per i bambini? Meglio 60 minuti di sport al giorno.

L’obiettivo dell’OMS è quello di arrivare ad una riduzione del 10% della sedentarietà entro il 2025. In quanto quest’ultima provoca ogni anno il 25% della mortalità precoce dovuta a malattie cardiovascolari, tumori, diabete o malattie respiratorie. Ecco allora che come in America un aiuto dovrebbe arrivare anche dagli altri governi, Italia compresa.