giugno 19th, 2016

Christina Aguilera l’ultimo singolo dedicato alle vittime della strage di Orlando, proventi a famiglie

Pubblicato il 19 Giu 2016 alle 10:59am

Si chiama “Change” (cambiare), l’ultimo singolo di Christina Aguilera, dedicato alle vittime della strage di Orlando, 50 persone morte in una discoteca della città, il “Pulse”, perché gay.

“Change” è il primo inedito pubblicato dalla 36enne cantante americana a tre anni di distanza dall’ultimo lavoro in studio. I proventi ricavati dalla vendita, saranno devoluti a partire dall’uscita, fino al prossimo 14 settembre, alla “National Compassion Fund”, a sostegno delle famiglie della strage del Pulse.

“Voglio essere parte del cambiamento che deve avvenire in questo mondo per farlo diventare un posto bellissimo dove l’umanità può manifestare il suo amore con passione e libertà”, ha scritto l’artista sui social.

L’attesissimo album, sarà invece disponibile entro la fine del 2016.

Qui sotto il video di “Change”

Ricetta Crostata alla crema con fragoline di bosco

Pubblicato il 19 Giu 2016 alle 10:30am

Ecco a voi una deliziosa ricetta per tutta la famiglia e ogni stagione dell’anno: la Crostata alla crema con fragoline di bosco. Un ottimo dessert per ogni occasione, semplice e veloce da preparare. (altro…)

Disturbo della condotta sociale, è tutta colpa dello sviluppo cerebrale

Pubblicato il 19 Giu 2016 alle 9:53am

Uno studio internazionale condotto insieme all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Cnr, pubblicato sul “Journal of Child Psychology and Psychiatry”, scopre l’importanza dello sviluppo cerebrale nel disturbo della condotta sociale attraverso una mappa delle anomalie del cervello di adolescenti affetti da tale disturbo. Ovvero, che il cervello degli adolescenti con gravi comportamenti antisociali è molto differente sotto l’aspetto anatomico di quello degli adolescenti che non mostrano tali comportamenti.

I ricercatori hanno trovato che le persone con il disturbo del primo tipo, rispetto ai soggetti di controllo, mostravano un elevato numero di correlazioni nella corteccia cerebrale che potrebbe dipendere da anomalie dello sviluppo, cioè da una ridotta perdita di spessore della corteccia che normalmente si osserva con gli anni. I giovani con disturbo emerso durante l’adolescenza presentavano un minor numero di tali correlazioni e questo potrebbe far pensare ad uno specifico problema di sviluppo, ad esempio l’incapacità di selezionare le connessioni simpatiche più forti e durature. I risultati ottenuti sono stati replicati e confermati in un altro campione di 37 individui con disturbo e 32 di controllo, maschi di età compresa tra i 13 e i 18 anni, reclutati all’Università di Southampton.

“Le differenze che abbiamo riscontrato dimostrano che gran parte del cervello è coinvolto in questa malattia neuropsichiatrica – commenta Graeme Fairchild del Dipartimento di psicologia dell’Università di Southampton – Il disturbo della condotta sociale è un reale problema cerebrale e non, come alcuni ancora sostengono, semplicemente una forma di esagerata ribellione alle regole della società. I risultati dimostrano anche che ci sono differenze cerebrali molto significative tra gli individui che sviluppano tale disturbo nella fanciullezza o durante l’adolescenza”.

Il 4 luglio al via la missione Juno alla scoperta di Giove con l’Italia protagonista

Pubblicato il 19 Giu 2016 alle 8:57am

Il prossimo 4 luglio 2016, la sonda spaziale Juno entrerà nell’orbita di Giove. L’obiettivo della NASA sarà quello di studiare i campi gravitazionali e magnetici del pianeta, la sua atmosfera, la quantità di acqua presente sulla superficie e la composizione chimica. E pertanto, la navicella si avvarrà di due strumenti italiani: JIRAM e KaT.

Così, dopo lunghi anni di viaggio e circa 3 miliardi di chilometri percorsi, la navicella spaziale andrà a inserirsi in un’orbita polare, nei pressi di Giove, per circa 11 giorni. Il più grande pianeta di tutto il sistema planetario, situato a circa 780 milioni di chilometri dal Sole.

Lo strumento inizierà un periodo di intensa attività scientifica basata sulla raccolta di dati molto importanti, el cui informazioni saranno raccolte entro il 2017, data in cui è stato stimato il termine ultimo della missione.

Maison Ferragamo finanzia restauro della Fontana del Nettuno in Piazza della Signoria

Pubblicato il 19 Giu 2016 alle 7:37am

Annunciata alcuni giorni fa, nel corso di una conferenza stampa nella splendida cornice di Palazzo Vecchio, alla presenza di Ferruccio Ferragamo, presidente del Gruppo Salvatore Ferragamo, e Dario Nardella, sindaco di Firenze, l’intenzione da parte della storica casa di moda italiana di finanziare il progetto di restauro della Fontana del Nettuno in Piazza della Signoria.

Già dal 1996 infatti Ferragamo si è occupato di riportare agli antichi splendori le statue allegoriche sul Ponte Santa Trinità, la Colonna della Giustizia in Piazza Santa Trinità e otto sale della Galleria degli Uffizi.

Realizzata dallo scultore Bartolomeo Ammannati su commissione di Cosimo I de’ Medici, la Fontana del Nettuno – il cui soggetto allude al dominio marittimo di Firenze nel Rinascimento – fu la prima fontana pubblica della città ed è oggi uno dei suoi simboli più conosciuti.

“Mi piace definire il nostro sostegno alle attività culturali di Firenze e il restauro di alcuni beni architettonici una collaborazione virtuosa fra pubblico e privato e un ringraziamento della nostra famiglia alla città e all’intenso sodalizio creato da mio padre che prosegue tuttora”, ha commentato Ferruccio Ferragamo.

”Tutto quello che abbiamo realizzato negli anni è dunque un modo per esprimere la nostra gratitudine a Firenze per quello che ci ha dato”.

Olio di palma, l’indagine di Altro Consumo lo scopre anche in prodotti per neonati, ecco quali

Pubblicato il 19 Giu 2016 alle 6:10am

Rilevato Olio di palma e sostanze tossiche, potenzialmente cancerogene nei prodotti per bambini, dal latte ai biscotti, dalle merendine alle patatine. A scoprirlo un’inchiesta condotta da Altroconsumo, associazione dei consumatori, che mostra come in alcuni prodotti alimentari più diffusi tra giovani e giovanissimi (nonché neonati) siano presenti sostanze che l’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, definisce tossiche, soprattutto se si raggiungono certi livelli.

Spiega Altroconsumo: “La nuova soglia di sicurezza stabilita dal gruppo di esperti sui contaminanti dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare per il 3-MCPD, contaminante tossico per reni e testicoli, viene superata sempre nell’alimentazione dei lattanti nutriti esclusivamente con latti formulati. Rischia facilmente di essere superata anche nella dieta dei bambini e degli adolescenti che consumano in un giorno più di una merendina o una merendina abbinata a qualche biscotto o a un pacchetto di patatine. Non solo, in alcuni biscotti e merendine, e sempre nelle patatine, abbiamo trovato i contaminanti GE che l’Autorità europea classifica come potenzialmente cancerogeni”.

Il consiglio? E’ quello di non dare da mangiare ai bambini prodotti che contengono olio di palma, prediligendo invece prodotti a base di olio di oliva o di girasole, che sono più salutari, anche se meno diffusi. Importante, quindi, è sempre leggere bene l’etichetta e la lista degli ingredienti contenuti.

Nel frattempo, ecco l’elenco di alcuni prodotti in cui Altroconsumo ha trovato alti livelli di sostanze tossiche.

Latte in formula: – Nestlè Nidina 1 Optipro – Humana 1 – Mellin 1

Biscotti: – Mulino Bianco Macine – Pavesi Gocciole – Saiwa Orosaiwa

Merendine: – Mulino Bianco Tegolino – Kinder Panecioc – Motta Buondì

Patatine – San Carlo Classica – Fonzies gli originali – Pai Patatina