figli di migranti irregolari medico di famiglia
In Emilia-Romagna anche i figli di migranti senza permesso di soggiorno avranno il loro medico di famiglia, fino alla maggiore età. Lo ha deciso un accordo siglato con i sindacati dei medici (Fimmg, Snami, Smi e Intesa sindacale) che amplia così il diritto al pediatra fino ai 14 anni, gia’ riconosciuto nel 2014.

«E’ una questione di civilta’- ha spiegato ieri l’assessore regionale alla Sanita’, Sergio Venturi- e di rispetto per quanto e’ sancito dalla nostra Costituzione: la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettivita’ e garantisce cure gratuite agli indigenti».

In base al nuovo accordo, il medico di famiglia potra’ prescrivere visite specialistiche ed esami eseguibili solo negli ospedali e ambulatori pubblici romagnoli. Lo stesso vale anche per i farmaci prescritti che saranno forniti solo ed esclusivamente dalle farmacie del territorio emiliano-romagnolo.

Al momento della scelta del medico, per i migranti senza permesso di soggiorno, sarà consegnata loro una tessera sanitaria del proprio figlio con il codice Stp (Stranieri temporaneamente presenti).

Tessera che sarà valida solo in Emilia-Romagna, per la durata di un anno e si potrà rinnovare fino ai 18 anni, solo se il ragazzo continuerà a vivere sul territorio regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.