luglio 23rd, 2016

Roma, aperta Sala degli Imperatori dei Musei Capitolini

Pubblicato il 23 Lug 2016 alle 8:52am

Ha riconquistato l’originario splendore del ‘700, con gli ori che ornano i bassorilievi e le pareti ‘color dell’aria’, la bellissima Sala degli Imperatori dei Musei Capitolini, nel Palazzo Nuovo, sottoposta a restauro. Dalle indagini e dalle puliture sono riemerse novità inattese e sorprese, come le integrazioni di terracotta mascherate con pittura.

“L’ambiente è tornato a essere quello che collezionisti e artisti che venivano a studiare per apprendere l’armonia della statuaria antica”, ha detto il Soprintendente Capitolino ai Beni Culturali Claudio Parisi Presicce, presentando il restauro con la sindaca Virginia Raggi, l’assessore alla Crescita culturale Luca Bergamo e a Francesco Venturini, amministratore delegato di Enel Green Power, che ha collaborato all’intervento.

Roma, 150 opere di Banksy esposte a Palazzo Cipolla fino al prossimo 4 settembre

Pubblicato il 23 Lug 2016 alle 8:10am

Banksy arriva a Roma e per la prima volta in un museo. 150 le opere che saranno ospitate fino al 4 settembre a Palazzo Cipolla. Ci sarà anche la serigrafia delle scimmie che dichiarano Laugh Now But One Day I’ll Be in Charge (Adesso ridete, ma un giorno sarò io a comandare), e l’agghiacciante immagine di Kids on Guns.

La mostra in questione comprende anche dipinti originali del writer di Bristol, stampe e sculture, tutte rigorosamente provenienti da collezioni private internazionali e non sottratte alla strada.

Alcune delle immagini più note di Banksy, vere e proprie icone, sono tra i pezzi esposti nella mostra “Guerra, Capitalismo & Libertà”, curata da Stefano Antonelli, Francesca Mezzano, Acoris Andipa, organizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro-Italia e Mediterraneo per raccontare l’evoluzione del segno dello street artist dal 2000 a oggi.

Tar dice no a rincari in bollette di luce e gas in Lombardia

Pubblicato il 23 Lug 2016 alle 7:00am

Il Tar della Lombardia ha deciso di sospendere gli aumenti nelle bollette di luce e gas varati a partire dal primo luglio dall’Authority.

E’ quanto si legge nel decreto del presidente della seconda sezione del Tribunale regionale lombardo, Mario Mosconi, che ha accolto il ricorso del Codacons sui discussi rincari dell’energia.

Il decreto spiega che solo a conclusione del procedimento “in relazione ai casi di non linearità commerciale ed economica” avviato dalla stessa Autorità per l’energia elettrica e il gas “volto all’adozione di idonee misure prescrittive” alla luce “di potenziali abusi nel relativo mercato”, possano essere “ridefiniti quegli aumenti già posti a carico dell’utente finale a decorrere dal primo luglio”.

Tali rincari, osserva il decreto, sono stati decisi “senza conoscere, alla data del 28 giugno 2016, se effettivamente i relativi aumenti percentuali possano essere legittimamente ascritti all’utente finale stesso”. Per cui “un immanente danno grave e irreparabile soprattutto per la vastissima platea che compone i singoli utenti finali (per lo più famiglie e utenti non gestori di attività produttive, percettori di bassi redditi)” e la decisione di accogliere il ricorso del Codacons rinviando la trattazione nel merito alla camera di consiglio del 15 settembre 2016. “Grazie al Codacons – scrive il presidente dell’associazione dei consumatori, Carlo Rienzi – 30 milioni di italiani riceveranno la prossima bolletta della luce e del gas ribassata e senza aumenti. Era assurdo infatti rincarare le tariffe per effetto di illeciti sui quali adesso dovrà pronunciarsi la magistratura”.