Poste Italiane, acquisto del 14,85% di Sia da Cdp per 278 milioni di euro

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 17 Set 2016 alle ore 10:21am

poste italiane
Perfezionato l’accordo di trasferimento da Fsi Investimenti a Poste Italiane di una partecipazione azionaria in Sia, società leader nel business della monetica, dei pagamenti e dei servizi di rete.

Un’operazione che, come anticipato da Mf-Milano Finanza, prevede che Poste Italiane acquistino, con un investimento complessivo pari a 278 milioni di euro, una quota del 30% di Fsia Investimenti, società che detiene il 49,5% di Sia, posseduta al 100% da Fsi Investimenti, a sua volta controllata da Cdp Equity attraverso una partecipazione del 77%.

Successivamente a tale operazione, Poste Italiane arriverà a detenere indirettamente una quota di partecipazione del 14,85% di Sia.

Fsi Investimenti manterrà indirettamente il 34,63% della società. Un trasferimento basato su un equity value di Sia pari a 2 miliardi di euro. Un perfezionamento dell’operazione è previsto per la fine dell’anno dopo l’approvazione delle autorità antitrust e di Banca d’Italia.

“L’acquisizione di una quota di partecipazione in Sia è coerente con le priorità definite nel nostro piano industriale ed accelera la nostra crescita nel settore della digitalizzazione dei pagamenti e delle transazioni, uno dei nostri assi portanti insieme ai servizi postali e logistici e alle attività di assicurazione e risparmio gestito”, ha commentato l’amministratore delegato e direttore generale di Poste Italiane, Francesco Caio.

“Sia ha dimostrato negli anni capacità di innovazione in Italia e di crescita anche sul mercato internazionale. Con questa operazione il gruppo prosegue nell’esecuzione del piano presentato ai mercati e dimostra dinamicità sia nella crescita organica che nelle acquisizioni”, ha aggiunto ancora Caio.