Carrara, la sua casa finisce all’asta, imprenditore si toglie la vita

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Ott 2016 alle ore 10:38am

118
Venerdì 30 settembre, un uomo di sessanta anni, residente a Carrara, si è suicidato dopo che la sua casa è finita all’asta. Secondo quanto emergerebbe dalle prime indagini, l’abitazione dell’uomo sarebbe stata pignorata da una banca.

Dopo aver saputo l’esito dell’asta in tribunale, l’uomo avrebbe deciso di togliersi la vita nascondendo tutto alla moglie, che avrebbe accompagnato a casa del nipote prima di farla finita.

A trovarlo senza vita nella propria abitazione sarebbe stato il genero che, inutilmente, avrebbe avvisato il 118.

Il sessantenne era infatti già morto. L’uomo, che fino a poco tempo fa aveva un’attività in proprio nel settore dell’edilizia, stava facendo i conti con la crisi che, secondo quanto emergerebbe, lo aveva duramente colpito.

Gli amici lo hanno descritto come una persona ottimista, che ha sempre affrontato con grande coraggio le avversità della vita, fino a quando non ha potuto sopportare una cosa più grande di lui, la perdita della propria casa, che tanto amava.