ottobre 15th, 2016

Papa Francesco rinuncia alla residenza di Castel Gandolfo, dal 21 ottobre diventerà un museo

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 9:58am

La residenza di Castel Gandolfo di proprietà del Vaticano sarà annessa alle altre stanze del palazzo, già divenute da tempo museo. A deciderlo è Papa Francesco in persona, a tre anni e mezzo di distanza dal suo desiderio di voler rinunciare ad ogni beneficio e sfarzo, e alloggiare al terzo piano del palazzo apostolico. (altro…)

Italian Detective, il primo episodio questa sera su Rai 4, in prima serata

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 8:05am

Esordisce questa sera di sabato 15 ottobre 2016, in prima serata su Rai 4, la serie tv, Italian Detective, incentrata sul lavoro di un’agenzia investigativa di Roma, prodotta da Magnolia per Rai Fiction.

Una serie che mette insieme in modo inedito i linguaggi del documentario e della fiction portando per la prima volta sugli schermi televisivi la vita vera di una figura mitica dell’immaginario collettivo: l’investigatore privato. Tra indagini e appostamenti Italian Detective racconta cosa vuol dire veramente entrare nelle vite degli altri per smascherare bugie, truffe e tradimenti. Inseguiti dalle telecamere, per la prima volta nel ruolo dei “pedinati”, i nostri detective guidano lo spettatore tra i segreti del loro mestiere, ma finiscono con aprire inaspettate finestre sulle loro vite private, offrendone uno spaccato di umanità (spesso decisamente divertente). La parte del racconto che riguarda il cliente e l’investigato è, invece, realizzata in fiction, per ovvie questioni di rispetto della privacy.

A coordinare la squadra di investigatori di Italian Detective c’è Rita, anima storica dell’agenzia, forte e carismatica, con un’esperienza trentennale alle spalle. Al suo fianco c’è il giovane socio Matteo che, invece, trent’anni non li ha ancora compiuti e che ha portato nel team una ventata di rinnovamento. Per i due collaborare non è sempre semplice: rappresentano due generazioni a confronto con visioni molto diverse. E proprio nei confronti tra i due nascono alcuni dei momenti più veri della serie. Con loro c’è anche Massimino, vent’anni, il figlio più piccolo di Rita che studia economia e lavora in agenzia come stagista.

Ogni episodio della serie (della durata di 50 minuti) segue uno degli incarichi dell’agenzia, dalla sua assegnazione alla sua soluzione, mentre i casi più complessi si sviluppano su diverse puntate.

La firma dei 12 episodi (trasmessi in sei prime serate) è quella di Claudio Canepari, già autore e regista di innovativi format televisivi come Milano-Roma e di importanti fiction come Scacco al re – La cattura di Provenzano, e la collaborazione di Antonella Vincenzi, Sara Lorenzini, Massimo Cappello, Giacomo del Buono, Gabriele Gravagna, Francesco Raganato.

Elisa ospite domenica 16 ottobre di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 7:17am

ELISA, prima della partenza dell’On Tour, che la vedrà impegnata dal prossimo 11 novembre dal Nelson Mandela Forum di Firenze, sarà ospite domani, domenica 16 ottobre, di Fabio Fazio a “Che Fuori Tempo Che Fa”, in diretta dalle ore 21.30 su Rai 3. (altro…)

Perugia, recuperati dai carabinieri quadri di fine ‘800 trafugati a Roma

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 6:21am

Sono stati recuperati ieri a Perugia e sequestrati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale tre dei 21 dipinti sottratti a Roma il 31 maggio del 1983 all’ex associazione culturale Ergoniana di Sapientia (con sede a Sutri sotto il nome di ‘associazione Marcello Creti’). (altro…)

Arriva ‘La dieta della longevità’, contenuta nel libro del dott. Valter Longo, che aiuta a vivere fino a 110 anni

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 6:20am

Curarsi con il cibo e vivere fino a 110 anni, sembra possibile secondo il biochimico di origini calabresi Valter Longo noto in tutto il mondo per le sue continue ricerche sull’invecchiamento. (altro…)

Israele sospende cooperazione con Unesco: Muro del Pianto e Spianata delle mosche non legate all’ebraismo

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 6:19am

La città di Israele ha annunciato ieri di sospendere la cooperazione con l’Unesco dopo la decisione da parte del Comitato esecutivo dell’organizzazione dell’Onu di dichiarare che il Muro del Pianto e la Spianata delle moschee non hanno nulla a che vedere con l’ebraismo.

Dopo la risoluzione del comitato esecutivo dell’Unesco che ha sancito che questi due luoghi storici, sarebbero sacri solo per la religione musulmana, approvando l’utilizzo del solo nome arabo nonostante l'”importanza della città vecchia di Gerusalemme e le sue mura per le tre religioni monoteiste”, il ministro dell’Educazione, Naftali Bennett, ha inviato una lettera alla direttrice Irina Bokova, accusando l’organizzazione di “fornire supporto al terrorismo”.

Nella lettera, pubblicata su Twitter, il ministro annuncia la sospensione, da subito, di “tutte le operazioni con l’Unesco. “Non ci saranno incontri con i suoi rappresentanti” e “non parteciperemo alla conferenze internazionali”, si legge ancora nella nota.

E motivando tale decisione aggiunge “Dopo la vergognosa decisione dei membri dell’Unesco di negare la storia e ignorare migliaia di anni di legami ebraici con Gerusalemme e il Monte del Tempio” (Spianata delle Moschee), ho comunicato alla Commissione nazionale di Israele per l’Unesco di sospendere tutte le attivita’ professionali nell’organizzazione internazionale”.

La risoluzione in questione “presume un sostegno immediato al terrorismo islamista”, sostiene Benet, avvertendo che “coloro che ricompensano i sostenitori della jihad a Gerusalemme, nella stessa settimana dell’assassinio di due israeliani, potrebbero essere anche le prossime vittime”. “I terroristi di domani possono ricevere ispirazione e legittimazione dall’atto deplorevole dell’Unesco”, ha aggiunto ancora il anministro, chiedendo al mondo di opporsi “apertamente e ad alta voce” alla risoluzione approvata dall’agenzia dell’Onu su proposta palestinese.

12° Giornata del Contemporaneo: oggi 15 ottobre, visite gratuite a musei, convegni, eventi vari

Pubblicato il 15 Ott 2016 alle 5:33am

La Dodicesima Giornata del Contemporaneo, organizzata da Amaci, che si celebra oggi, sabato 15 ottobre 2016, in tutta Italia è accostata quest’anno all’immagine di Emilio Esgrò, artista che ha realizzato un’Europa cancellata e protesa oltre i suoi confini per abbracciare i Paesi del Mediterraneo. (altro…)