cellule staminali sintetiche
Un gruppo di ricerca della North Carolina State University ha realizzato in laboratorio la prima cellula staminale sintetica. Si tratta di un’unità cardiaca che offre gli stessi benefici garantiti dalle cellule staminali naturali, ma con una notevole diminuzione dei rischi, come la crescita tumorale e il rigetto immunitario.

Esiti positivi con le sperimentazioni sugli animali. Le cellule sintetiche trapiantate in topi che avevano subito un infarto, si sono subito legate ai tessuti del cuore e hanno riparato quelli danneggiati.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications rivela che le cellule staminali artificiali sono state ottenute con un materiale biodegradabile e biocompatibile chiamato Plga (acido lattico co-glicolico), nel quale sono state aggiunte le proteine prodotte da cellule staminali cardiache umane in coltura.

Infine, tali microparticelle sono state rivestite con la membrana delle cellule staminali cardiache. La tecnica utilizzata permette ora di ottenere unità artificiali non solo del muscolo cardiaco, ma anche di molti altri organi e tessuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.