Spread the love

denti cura carie

Dentista addio. Grazie ad un farmaco anti-Alzheimer sarebbe possibile tra qualche anno riparare i danni causati dalla carie facilitando così, la ricrescita naturale della dentina. A rivelarlo uno studio recente condotto dal King’s College di Londra.

Il farmaco in questione utilizzato, al momento, solo nella sperimentazione animale (tra un anno quella clinica) è il Tideglusib, noto come ‘inibitore dell’enzima GSK-3′. In grado di ridurre l’attività di un enzima, chiamato GSK-3, indispensabile per la formazione delle placche di proteine amiloidi associate all’Alzheimer.

Per riparare i denti, fra alcuni anni, non serviranno più paste inorganiche basate su calcio o composti minerali del silicio, ma potrebbe bastare questo nuovo farmaco, magari applicabile sotto forma di pasta o di collagene biodegradabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.