febbraio 21st, 2017

Omicidio Scazzi: Cassazione conferma ergastolo per Sabrina e Cosima Misseri, 8 anni allo zio Michele

Pubblicato il 21 Feb 2017 alle 1:37pm

La Corte di Cassazione conferma l’ergastolo per Sabrina Misseri e la madre Cosima Serrano, per l’uccisione di Sarah Scazzi avvenuta ad Avetrana il 26 agosto del 2010. Conferma anche la condanna a otto anni per lo zio Michele Misseri, per la soppressione del cadavere di Sarah Scazzi, rispettivamente padre e marito di Sabrina Misseri e Cosima Serrano. Con tale condanna, Michele Misseri, ora a piede libero, dovrà subito essere prelevato e portato in carcere. (altro…)

Il vocabolario e i nuovi codici segreti dei rom per svaligiare casa

Pubblicato il 21 Feb 2017 alle 10:02am

C’è una “Black list”, come la chiama il Gazzettino voluta dal “sostituto procuratore Benedetto Roberti della procura di Padova, da sempre attivo nella lotta alla criminalità organizzata di sinti e rom specializzati in rapine e furti”. (altro…)

Francesco Gabbani, Occidentali’s Karma disco d’oro e flashmob nella sua Carrara

Pubblicato il 21 Feb 2017 alle 9:25am

Francesco Gabbani è l’artista del momento. Il suo brano “Occidentali’s Karma” piace davvero a tutti. Come del resto anche il balletto con tanto di scimmia che Francesco ha portato sul palco dell’Ariston vincendo il Festival della canzone Italiana, sta letteralmente facendo impazzire grandi e piccini. (altro…)

Jackie, il film su Jacqueline Kennedy con protagonista Natalie Portman dal 23 febbraio al cinema

Pubblicato il 21 Feb 2017 alle 9:00am

Natalie Portman torna al cinema nelle vesti di Jacqueline Kennedy. Nel nuovo film di Pablo Larraín, presentato in concorso al Festival di Venezia 2016, in uscita il prossimo 23 febbraio.

Nel cast del film Jackie troviamo anche Peter Sarsgaard, John Hurt, Billy Crudup, Greta Gerwig, Max Casella e Beth Grant.

Sinossi

Jacqueline Kennedy aveva solo 34 anni quando suo marito venne eletto Presidente degli Stati Uniti. Elegante, piena di stile ed imperscrutabile, divenne immediatamente un’icona in tutto il mondo, una delle donne più famose di tutti i tempi, Il suo gusto nella moda, negli arredi e nelle arti divenne per molti un modello da imitare. Poi, il 22 Novembre 1963, durante un viaggio a Dallas per la sua campagna elettorale, John F. Kennedy venne assassinato e l’abito rosa di Jackie si macchiò di sangue. Quando Jackie salì sull’Air Force One per tornare a Washington, il suo mondo – così come la sua fede – erano andati in pezzi. Sotto choc e sconvolta dal dolore, nel corso della settimana successiva fu costretta ad affrontare momenti che non avrebbe mai immaginato di dover vivere: consolare i suoi due bambini, lasciare la casa che aveva restaurato con grande fatica e pianificare le esequie di suo marito. Jackie capì subito però che quei sette giorni sarebbero stati decisivi nel definire non solo l’immagine e l’eredità storica di John F. Kennedy, ma anche come lei stessa sarebbe stata ricordata.

Sara Sampaio nuova testimonial Blumarine per la collezione primavera estate 2017

Pubblicato il 21 Feb 2017 alle 8:28am

Sara Sampaio è la nuova testimonial della primavera estate 2017, Blumarine. (altro…)

L’ora della salute, il programma con specialisti di medicina su LA7 ogni sabato alle 12.10

Pubblicato il 21 Feb 2017 alle 7:49am

Il 18 febbraio scorso, è arrivato su La7, un nuovo programma sulla salute in onda ogni sabato alle ore 12.10, con repliche la domenica alle 18.30, dal titolo “L’ORA DELLA SALUTE”. (altro…)

Paola Turci, in un’intervista a Matrix ha raccontato del dramma che le ha cambiato la vita

Pubblicato il 21 Feb 2017 alle 6:45am

Paola Turci una delle più grandi interpreti di Sanremo 2017 a distanza di 24 anni da quel terribile incidente che le ha cambiato la vita, è tornata a parlare di quanto accaduto nella sua vita a Matrix.

Era il 1993 quando la sua auto sbandò sulla Salerno-Reggio Calabria. Da allora Paola ha dovuto subire 13 interventi al volto, di cui 12 solo ad un occhio, e 100 punti di sutura.

“Andavo a 80 all’ora, poi il crash e la macchina si è accartocciata e mi è venuto tutto addosso. Studiavo teatro, avevo fatto anche provini con Ettore Scola, poi l’incidente ed è stato un sogno che si è interrotto”.

La cantante, però, dopo un periodo buio, si è resa conto che l’arma vincente era l’accettazione, vedersi bella anche con qualche cicatrice.

“Ora lavoro su me stessa e mostro i miei difetti in un libro per liberarmi di questa paura che avevo di mostrare la parte più fragile di me. In questi anni – ha concluso durante l’intervista a Matrix- tutti gli occhi degli altri erano perfetti e per me era straordinaria questa normalità”.

Al Festival di Sanremo, Paola Turci ha cantato “Fatti bella per te” proprio per dimostrare che “una cicatrice, più ne parli e più sparisce”.