Anna e Francesco ospiti di C’è Posta per te commuovono i calciatori del Napoli, per loro aiuto economico e da un telespettatore servizio fotografico e lavoro

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 05 Mar 2017 alle ore 2:55pm

anna francesco ce posta per te
La storia di Anna e Francesco, i due ragazzi di Somma Vesuviana in serie difficoltà economiche, che abbiamo visto ieri sera su Canale 5 nel programma di C’è Posta per te di Maria DE Filippi ha commosso milioni di telespettatori e utenti del web.

Due giovani molto innamorati e con due bambine molto piccole in gravi difficoltà economiche che devono fare i conti con appena 600 euro al mese.

Anna, dispiaciuta per i sensi di colpa vissuti costantemente dal marito disoccupato, papà e marito dolcissimo, ha voluto fare un regalo al suo amato Francesco chiamando in studio i suoi idoli, Pepe Reina e Dries Mertens del Napoli.

La coppia ha dovuto rinunciare alla cerimonia religiosa e ad una festa con amici e parenti, accontentando del rito civile e una pizza con 10 invitati. Dopo la nascita di una delle figlie è stata anche costretta a vendere le fedi nuziali per far fronte alle prime necessità della bambina.

Per questo motivo, il portiere e l’attaccante del Napoli hanno regalato loro due nuovi anelli nuziali, oltre ad un pass per assistere alle partite interne degli azzurri al San Paolo, magliette autografate, borse della squadra, regali per le bambine ed anche un aiuto economico.

La loro bellissima storia d’amore, fatta di tante difficoltà quotidiane, è stata fortemente portata all’attenzione dell’opinione pubblica al punto da far scattare una gara di solidarietà che si è concretizzata realmente con un aiuto straordinario.

Come riporta il sito Vesuvio Live, un fotografo di Cardito ha offerto loro un servizio fotografico nel caso decidessero di sposarsi in chiesa e non solo: “Commosso per la coppia di Somma Vesuviana vista a C’è posta per te. Mi metto a disposizione se un domani si sposassero in chiesa per regalargli tutto il servizio foto e film, non lo facciamo per pubblicità non ne abbiamo bisogno già lavoriamo tanto. A chi li conosce gli diciamo di mettersi in contatto con noi anche per un eventuale lavoro un domani”.