Scoperti i neuroni che collegano respirazione e stress

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Apr 2017 alle ore 8:45am

respirazione-e-stress

Un gruppo di ricercatori della Stanford University, autori di un articolo pubblicato su “Science”, parlano di un risultato molto soddisfacente che potrebbe portare ad importanti ripercussioni in campo clinico grazie allo sviluppo di nuove terapie contro gli attacchi di panico e altri disturbi legati allo stress.

Così, anche se la respirazione è generalmente considerata un comportamento controllato soprattutto dal sistema nervoso autonomo, l’esistenza di strette connessioni con le aree cerebrali che presiedono alle funzioni cerebrali superiori è ben nota e ampiamente testimoniata, per esempio, da studi condotti sugli effetti della meditazione, che ha uno dei suoi cardini proprio nel controllo della respirazione.

Tuttavia finora non era chiaro quali fossero i centri e i meccanismi neuronali che presiedono ai rapporti fra respiro e cervello.

Pertanto, grazie ad un nuovo studio sperimentale condotto sui topi, Kevin Yackle e colleghi hanno ora identificato il regista di questi rapporti in un piccolo gruppo di neuroni situato nel tronco cerebrale.

Si tratta in particolare di circa 175 neuroni del cosiddetto complesso di pre-Bötzinger, un articolato gruppo di 3000 neuroni circa la cui attività ritmica avvia i movimenti respiratori.

I neuroni, secondo gli esperti, inviano delle proiezioni direttamente a un’area del cervello, il locus coeruleus, che ha un ruolo chiave nello stato di vigilanza in generale, nella focalizzazione dell’attenzione, e nelle risposte allo stress.

Così dopo aver eliminato in alcuni topi i neuroni identificati, i ricercatori hanno constatato che la loro respirazione era rimasta perfettamente normale, ma che gli animali rimanevano insolitamente tranquilli anche se erano sottoposti a stimoli che inducevano in altri casi una risposta allo stress.