Telefonia, roaming a costo zero dall’estero, si rischia il rinvio di un anno

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Apr 2017 alle ore 5:43am

telefonia

E’ prevista una possibile deroga di un anno per l’introduzione del roaming a costo zero che dovrebbe scattare dal 15 giugno 2017.

In base alle linee guida del Berec, in vista dello stop ai costi aggiuntivi della telefonia mobile per gli utenti che si trovano all’estero, gli operatori di tlc possono chiedere la deroga ai regolatori nazionali non più tardi del 15 maggio.

Eventuali deroghe saranno valide per 12 mesi, dopo di che l’operatore potrebbe sempre fare richiesta alle autorità per estendere il periodo. L’importo della maggiorazione autorizzato sarà commisurato ai costi di roaming dell’operatore.

Previste, però, delle deroghe anche al roaming a costo zero: per esempio se l’utente sta abusando della linea o stesse ricorrendo al roaming per un periodo superiore ai 4 mesi, tali costi aggiuntivi, secondo le linee guida, non potranno comunque superare le tariffe wholesale regolamentate in uso nell’Ue.

“Diffideremo l’Agcom a non accogliere alcuna richiesta delle compagnie telefoniche tesa a tenere in piedi il più a lungo possibile i costi aggiuntivi legati al roaming”, afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, commentando le linee guida pubblicate dall’autorità europea dei regolatori. Secondo l’associazione in difesa dei consumatori “non esiste alcun giustificato motivo per concedere deroghe agli operatori italiani”.