Ghiandole ascellari gonfie, cause e cure

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 04 Apr 2017 alle ore 7:08am

ghiandole-ascellari-gonfie

Avere ghiandole ascellari gonfie o infiammate è un problema molto diffuso, soprattutto tra le donne, che non devono mai sottovalutare quest’aspetto, dato che questo può essere uno dei sintomi del tumore al seno.

Nella maggior parte dei casi si tratta di una comune irritazione che può avere cause diverse, ma è sempre bene farsi dare un parere da un esperto.

Le cause dei linfonodi ascellari gonfi

Di solito a causare l’ingrossamento di queste ghiandole è una comune infiammazione provocata da virus o batterio. Per rintracciare la causa bisognerà consultare un medico, anche perché potrebbe trattarsi di un’infezione di natura diversa: come HIV o tumore.

Spesso però non c’è motivo di allarmarsi, perché a provocare questa infiammazione potrebbero essere comportamenti scorretti che hanno a che fare con la depilazione a cera o l’uso continuo del rasoio in questa zona del corpo molto delicata, o addirittura di deodoranti a base di alcol, che possono causare l’ingrossamento dei linfonodi. In questi casi di solito si tratta di problematiche passeggere, ma è bene non sottovalutare mai tale sintomo.

Durante la gravidanza, e allattamento, l’ingrossamento delle ghiandole ascellari può essere anche naturale dovuto all’aumento del volume del seno.

Come curare le ghiandole ascellari gonfie

Prima di capire cosa ha causato un ingrossamento dei linfonodi, evitare di depilazione sia con ceretta che con rasoio.

Scegliere con cura anche l’abbigliamento, evitando tessuti sintetici e puntare su capi in cotone. Infine è consigliabile evitare di usare sulla zona interessata saponi, deodoranti o prodotti aggressivi.