Continua la caccia all’uomo tra Ferrara e Bologna: “Igor il russo avrebbe ucciso ancora”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 09 Apr 2017 alle ore 10:02am


È andata avanti tutta la notte la caccia serrata a Igor Vaclavic, il presunto killer di Budrio che si sarebbe macchiato di un altro gravissimo delitto: dopo aver ucciso un barista, Davide Fabbri, una settimana fa nel suo locale di Riccardina di Budrio, Igor il russo, avrebbe ucciso sabato sera un volontario guardiapesca, Valerio Verri di Portoverrara, e ferito una guardia provinciale, Marco Ravaglia, nei pressi di Portomaggiore, in provincia di Ferrara. Immediato lo spiegamento di forze dell’ordine per la sua cattura.

Purtroppo, però, è continuata per tutta la notte, anche con il supporto di reparti speciali e dei vigili del fuoco la caccia a Igor Vaclavic, che sabato nel tardo pomeriggio era stato fermato per un controllo casuale, durante un pattugliamento antibracconaggio, sulla provinciale Mondonuovo a Trava di Portomaggiore, nel Ferrarese.

L’uomo ricercato dalle forze dell’ordine avrebbe sottratto un’arma ai due e colpito nuovamente senza indugio. La guardia ferita è stata ricoverata all’ospedale Bufalini di Cesena e operata; non è in pericolo di vita. Le ricerche si sono concentrate soprattutto nell’area dell’oasi di Marmorta di Molinella, al confine tra il Ferrarese e il Bolognese.

Vaclavic, 41 anni, è fuggito prima a bordo di un Fiorino rubato, poi a piedi nella boscaglia quando è stato intercettato da un altro posto di blocco a Marmorta. Per tutta la notte le voci si sono susseguite, non si ha ancora nessuna conferma di un presunto arresto.