maggio 13th, 2017

Papa a Fatima: preghiera per la pace nel mondo e canonizzazione di due pastorelli

Pubblicato il 13 Mag 2017 alle 11:10am

Dopo la grande veglia, tenuta ieri a Fatima, davanti a oltre 600.000 fedeli e candele accese nella notte a dimostrazione dell’attaccamento dei portoghesi, e non solo, al messaggio di Fatima, Papa Francesco celebra questa mattina la messa per la canonizzazione di Giacinta e Francisco Marto, i due pastorelli che dal 13 maggio 1917, esattamente cento anni fa, ebbero visioni della Vergine, riconosciute dalla Chiesa come fenomeno soprannaturale già nel 1930.

Prima di celebrare la messa, il Santo padre si reca in visita privata nella saletta di ricevimento della Casa “Nossa Senhora do Carmo”, per un incontro con il primo ministro del Portogallo, Antonio Luis Santos da Costa.

Dopo la messa il Pontefice pranzerà con i vescovi portoghesi e il seguito papale e successivamente, dopo una breve cerimonia di congedo che avverrà nella base aerea militare di Monte Real, partirà per il Vaticano . L’arrivo è previsto all’aeroporto di Ciampino intorno alle ore 19,05, ora italiana.

Ieri papa Francesco nel suo primo discorso pubblico tenuto in Portogallo ha fatto cenno al “terzo segreto di Fatima: “Imploro per il mondo la concordia tra tutti i popoli”; “vengo come profeta e messaggero”, “e come vescovo vestito di bianco ricordo tutti coloro che, vestiti di candore battesimale, vogliono vivere in Dio e recitano i misteri di Cristo per ottenere la pace”.

Il “terzo segreto” di Fatima ( descriveva appunto un “vescovo vestito di bianco caduto a terra come morto”, nelle quali parole papa Wojtyla identificò se stesso dopo l’attentato di Ali Agca), per portare davanti alla Madonna e “le gioie dell’essere umano” e “i dolori della famiglia umana”.

Papa Francesco si è recato in preghiera nella cappellina delle apparizioni, che sorge nel luogo dove il 13 maggio del 1917 i tre pastorelli videro per la prima volta la Vergine, per dare al suo viaggio – un “significato un po’ speciale”, come lo ha definito egli stesso durante il volo diretto a Fatima salutando i giornalisti. Un senso di missione dedicata alla fine di ogni conflitto. Un pellegrinaggio, durante il quale, il Papa ha voluto soprattutto rinnovare la preghiera per la pace e la speranza per il mondo intero.

Foto di Giovanna Manna

Multa da 3 milioni a Whatsapp per dati utenti condivisi con Facebook

Pubblicato il 13 Mag 2017 alle 9:57am

Multa di 3 milioni per il colosso della telefonia Whatsapp per la condivisione dei dati degli utenti con Facebook. L’Autorità Garante della Concorrenza e del mercato, nella riunione che si è tenuta lo scorso 11 maggio, ha chiuso due istruttorie, avviate nel mese di ottobre 2016 per presunte violazioni del Codice del consumo. (altro…)

A Palermo arriva il parto in acqua hi-tech, grazie ad un app e smartwatch

Pubblicato il 13 Mag 2017 alle 8:40am

Il parto in acqua è ora hi-tech, grazie a un’app e un orologio subacqueo intelligente chiamato ‘smartwatch‘, in grado di misurare le contrazioni, la durata, la frequenza e l’intensità, inviandole a un dispositivo per gli operatori sanitari. (altro…)

A Genova, il dott. Nicolas Dessypris cura i denti in base al reddito e anche gratis

Pubblicato il 13 Mag 2017 alle 6:23am

Nicolas Dessypris è il dentista sociale, che cura in base al reddito o anche gratis, chi non può pagare.

Nicolas Dessypris esercita la professione Genova, ma dichiara con un cartello, affisso fuori allo studio: “Così come tutti abbiamo diritto di mangiare, tutti abbiamo diritto di avere i denti sani. Il mio lavoro è togliere il mal di denti, e se qualcuno non può permetterselo va aiutato”.

Ma quanto costa curarsi da lui?

Ecco gli sconti praticati in base al reddito: 10% di sconto per redditi inferiori ai 20 mila euro annui, sconto fino al 50% per quelli inferiori ai 5 mila euro.

E su Genova24.it il dentista assicura anche di curare gratis chi è senza un reddito: “Non si possono far pagare certe cifre a persone che vivono con 500 euro al mese come pensionati, disoccupati, studenti, ma non solo. Anche solo pensarlo è vergognoso. Da parecchio tempo pratico questo tipo di tariffe ma ho visto aumentare i pazienti solo dopo aver spostato il cartello fuori dal mio studio: da allora vengono in tanti, sono tutti molto poveri e quasi tutti italiani”.

Cellulite e ritenzione idrica, come contrastarle con rimedi naturali

Pubblicato il 13 Mag 2017 alle 6:12am

Cellulite e ritenzione idrica sono condizioni fisiche fortemente collegate tra loro, ma che rimangono comunque diverse l’una dall’altra.

Cos’è la cellulite e cos’è la ritenzione idrica?

La cellulite è un’alterazione dei tessuti sottocutanei, che si manifesta con gonfiore, dolore al tatto, la cosiddetta “buccia d’arancia”, sotto forma di piccole nodosità. La cellulite può formarsi a causa di numerosi fattori, come ad esempio uno stile di vita sedentario e una dieta squilibrata. Cattive abitudini, fumo e alcol.

La ritenzione idrica è invece la tendenza a trattenere liquidi nell’organismo ed è caratterizzata da tumefazione dei tessuti molli causata dall’accumulo di liquido interstiziale (il liquido compreso negli spazi tra le varie cellule); essa può portare alla formazione di cellulite, ma anche a patologie più gravi, a livello dei reni.

Esistono in commercio diverse erbe ad azione diuretica, in grado di contrastare la ritenzione idrica e anche la “cellulite”.

Vediamole una ad una.

Tarassaco: ottimo drenante, tonifica e migliora la circolazione sanguigna. – Peducoli di ciliegio: grazie alle proprietà drenanti, diuretiche, astringenti e antinfiammatorie, si assiste ad una riduzione cospicua di cellulite e ritenzione idrica. – Gambo d’ananas: migliora la circolazione sanguigna e linfatica. – Centella asiatica: dalle foglie della pianta si estrae un estratto che favorisce una corretta circolazione periferica, riducendo i liquidi in eccesso.

Oltre ad assumere queste sostanze sotto forma di infusi e integratori alimentari, è opportuno curare anche l’alimentazione, mangiare molta frutta contenente potassio, antiossidanti come i frutti rossi, le ciliegie, le fragole, bere almeno due litri di acqua al giorno. Fare una costante attività fisica per combattere il nemico numero uno, la sedentarietà.

Consigliati: nuoto, acqua gim, cyclette, spinning, passeggiate veloci, pilates, ecc.

E agire anche dall’esterno con cosmetici mirati, altrettanto naturali, a base di ippocastano, tè verde, alghe marine, caffeina, ginko biloba, sali minerali, ecc. Reperibili nelle erboristerie, profumerie, grandi catene di distribuzione e farmacie.

Finale Eurovision Song Contest 2017: questa sera su Rai 1 la diretta alle 20.35. Gabbani ce la fara?

Pubblicato il 13 Mag 2017 alle 5:15am

Tutto pronto per la finale dell’Eurovision Song Contest 2017, in diretta tv questa sera su Rai 1 ore 20.35.

Scenderanno sul palco dell’International Exhibition Centre di Kiev per proporre i loro brani di successo, gli esponenti di 26 nazioni, di cui 20 selezionate nelle due semifinali di martedì e giovedì e 6, ovvero Italia, Francia, Germania e Regno Unito, Spagna e Ucraina, entrati di diritto nella rosa di coloro che oggi, sabato 13 maggio, si esibiranno per portare a casa non solo il primo posto del concorso canoro più ambito, ma anche l’onore – e l’onere – di ospitare l’evento il prossimo anno.

Francesco Gabbani rappresenterà l’Italia e sembra essere il favorito secondo i principali bookmaker. Occidentali’s Karma, la scimmia danzante, canzone vincitrice del Festival di Sanremo 2017, piace tantissimo sui social e anche all’estero.

Questa, la scaletta completa, in ordine di esibizione: Israele, Polonia, Bielorussia, Austria, Armenia, Paesi Bassi, Moldavia, Ungheria, Italia, Danimarca, Portogallo, Azeirbaijan, Croazia, Australia, Grecia, Spagna, Norvegia, Regno Unito, Cipro, Romania, Germania, Ucraina, Belgio, Svezia, Bulgaria e Francia.