Blush, consigli per scelta e uso

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 15 Mag 2017 alle ore 9:36am

blush-scelta-colore

In commercio esistono diversi tipi di blush: da quelli compatti a quelli in polvere, passando per quelli in formato crema, gel, fino ad arrivare ai liquidi o anche cotti.

Numerose, poi, le varianti di finish tra opachi e shimmer. La regola generale per la scelta del blush vuole di regolarsi in base alla propria tipologia di pelle: ad esempio, scegliendo un opaco se si ha una una pelli grassa, un perlato o glitterato se si ha una pelle normale o secca.

Il blush in crema, inoltre, è utile per correggere le imperfezioni e illuminare il viso. Esistono però, anche blush cremosi in stick, pratici e confortevoli da applicare direttamente dallo stick e sfumati con le dita possono dare un effetto leggero e naturale.

I blush liquidi sono invece ideali per chi ha poco tempo a disposizione.

I colori del blush variano dal colore rosa tenue al
color corallo, e in alcuni casi persino al rosso. Il colore giusto dovrà sempre essere scelto in base al colore dell’incarnato e al make up che si è scelto.

Come applicare il blush

Se si ha un viso regolare, ovvero un viso ovale, il blush potrà essere applicato partendo dal centro delle gote verso l’esterno. Se il viso è invece tondo è bene applicare il blush partendo dalle tempie e sfumandolo in diagonale fino a raggiungere le guance. Su un viso allungato invece, è sempre opportuno procedere applicando linee orizzontali.

Infine, volumi del viso quadrato potranno essere resi più morbidi applicando il blush dal centro del viso alle tempie, sfumando il colore con movimenti circolari.