maggio 25th, 2017

Roma, la stilista Laura Biagiotti è morta

Pubblicato il 25 Mag 2017 alle 2:17pm

È morta la stilista italiana Laura Biagiotti, ricoverata al Sant’Andrea mercoledì sera.

La grande designer di alta moda, 74 anni, ha avuto un arresto cardiaco dal quale è derivato un grave danno cerebrale.

In ambulanza è stata trasportata in ospedale dalla sua residenza di Guidonia, vicino a Roma. Il Sant’Andrea, in un comunicato, ricostruisce ciò che è accaduto e annuncia ciò che avverrà tra poco: «Le manovre rianimatorie, avviate già prima che la paziente giungesse in ospedale, e poi ripetute più volte al pronto soccorso, hanno consentito la ripresa dell’attività cardiaca, ma il quadro clinico e gli accertamenti effettuati attestano un grave danno cerebrale di tipo anossico. La signora Biagiotti è ricoverata in terapia Intensiva in condizioni gravissime e stanno per essere avviate le procedure per l’accertamento strumentale della condizione di morte cerebrale». La figlia Lavinia Biagiotti Cigna ha lasciato Londra, dove si trovava per lavoro, ed è rientrata urgentemente nella Capitale.

Successivamente per la signora Laura Biagiotti è stata dichiarata la morte cerebrale.

Un test del sangue per predire il rischio di diabete giovanile

Pubblicato il 25 Mag 2017 alle 6:49am

E’ in arrivo un test del sangue pratico ed economico in grado di predire il rischio di diabete giovanile anni prima del suo esordio. (altro…)

Terra dei fuochi: “Dati confortanti, ma cautela su attendibilità aggiornamento registro dei tumori”

Pubblicato il 25 Mag 2017 alle 6:21am

Il presidente della III Commissione speciale ‘Terra dei Fuochi, bonifiche, ecomafie’ del Consiglio regionale della Campania, Gianpiero Zinzi, commenta “I dati relativi alla situazione epidemiologica nei Comuni ricadenti nella ‘Terra dei Fuochi’, i quali, evidenziano un aspetto importante, ossia l’assenza di una stretta relazione tra alcune patologie e l’inquinamento”.

“Si tratta -continua Giampiero Zinzi – di un dato positivo per chi, come me ed i componenti della III Commissione speciale, ogni giorno lavorano per ristabilire la verità su un fenomeno che ha danneggiato pesantemente l’immagine della nostra regione. Tuttavia l’analisi non può confortarci del tutto, perché il numero di malati registratisi nella nostra zona qui è legato anche ad una incapacità della nostra organizzazione sanitaria regionale a curare tempestivamente una persona colpita da patologie tumorali. Auspico cautela per quanto attiene poi il registro tumori la cui presenza ed aggiornamento capillare deve essere una priorità per tutti”.

Pelle: cosa cʼè da sapere dopo i 30

Pubblicato il 25 Mag 2017 alle 6:20am

Arrivate ai 30 anni dobbiamo iniziare a pensare alla salute della nostra pelle. Diventano, pertanto, fondamentali per il rinnovamento cellulare e il preventivo progressivo processo ossidativo, seguire alcune regole fondamentali per mantenere l’epidermide giovane il più a lungo possibile.

– Alimentazione: a partire dai 25 anni, pur senza particolari stress, la pelle inizia il suo lento processo di invecchiamento. Possiamo però mitigare l’intensità e gli effetti di questo processo non solo con un costante livello di idratazione, ma anche con una giusta e corretta alimentazione. Pertanto, al fine di mantenere la pelle sempre ben idratata, dobbiamo puntare su una dieta il più possibile ricca di frutta e verdura, prodotti freschi, integrali e senza conservanti.

– Stile di vita: se la nostra pelle risente dello stress del nostro stile di vita, oltre ad una corretta alimentazione dobbiamo seguire trattamenti idratanti e riequilibranti. Dormire a sufficienza, evitare alcolici, fare sport e camminate all’aria aperta per ossigenare al meglio la nostra epidermide.

– Curare la pelle: ci vuole molta costanza nel curare la propria pelle, prevenendo la formazione di radicali liberi. E’ fondamentale, dunque, detergere ogni giorno la pelle del viso prima di andare a letto e ogni volta che ci si strucca. Applicare un fondotinta con fattore protettivo tutti i giorni, sia in estate che in inverno. Evitare lampade abbronzanti. Usare sempre creme anti-age a seconda dell’età della nostra pelle. Assumere vitamine, minerali, omega 3, antiossidanti anturali.

– Prendere poco sole. Il sole fa bene alla pelle ma la invecchia. Se siete amanti della tintarella ricordatevi di stare poco al sole, di evitare esposizioni nelle ore più calde della giornata e di difendere sempre la pelle con un fattore protettivo elevato. In questo modo potremo contrastare l’accumulo di melanina che dà luogo alle antipatiche macchie dermiche e prevenire danni cutanei anche importanti. Non smettiamo di ricordare che l’azione combinata di raggi UVA, UVB e infrarossi su una pelle non protetta può creare a lungo andare effetti altamente dannosi, come una notevole produzione di radicali liberi, responsabili di alterazioni a carico del DNA, fino alla mutazione genetica con conseguente formazione del cancro cutaneo, il cosiddetto melanoma.

Good Design Award 2016 al marchio Scavolini

Pubblicato il 25 Mag 2017 alle 6:10am

Il marchio Scavolini ottiene un altro importante riconoscimento a livello internazionale, aggiudicandosi così, dopo la Menzione Speciale del German Design Award 2017, con il progetto Foodshelf, il GOOD DESIGN Award 2016, uno dei più importanti ed autorevoli riconoscimenti internazionali. (altro…)

A Roma, fino al 30 luglio, la mostra dedicata a Marilyn Monroe

Pubblicato il 25 Mag 2017 alle 5:48am

Marilyn Monroe in mostra a Roma. Fino al prossimo 30 luglio è aperta al pubblico, al Palazzo degli Esami, l’esposizione “Imperdibile Marilyn. Donna, mito, manager”.

Un viaggio alla scoperta dell’attrice, icona del cinema mondiale. La mostra è a cura di Fabio Di Gioia di Da Vinci Grandi Eventi e del collezionista Ted Stampfer.

In mostra oltre trecento oggetti, abiti, cosmetici, pellicole dei suoi film, utensili della sua casa, foto, filmati privati, David di Donatello ricevuto nel 1959 da Anna Magnani a New York, e tanto altro ancora.

Tra gli oggetti esposti spiccano senza ombra di dubbio, il famosissimo abito bianco indossato nel film “Quando la moglie è in vacanza”, abito scarlatto di “Come sposare un miliardario”, ma anche una lettera d’amore di Arthur Miller, la sceneggiatura originale di “A qualcuno piace caldo” e il suo celebre profumo.