giugno 14th, 2017

Ragusa, maltrattamenti in asilo, maestre rinviate a giudizio

Pubblicato il 14 Giu 2017 alle 10:12am

Il Gup di Ragusa rinvia a giudizio per maltrattamenti due maestre di un asilo. Le indagini della polizia di Stato, risalgono al giugno del 2016, e sono sfociate nella richiesta di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti delle due donne, rigettata dal Gip.

La Procura ha chiesto e ottenuto il loro rinvio a giudizio. Agli atti dell’inchiesta intercettazioni eseguite dalla squadra mobile in cui le due donne minacciavano uno dei bambini: “Alzati, ti do’ tanti di quegli schiaffoni! Sei un bambino insopportabile! E’ un incubo…”.

E a un piccolo che gli chiedeva di andare in bagno la maestra rispondeva: “a casa tua la fai la cacca: ti do all’orco, lo chiamo… così se lo mangia e ce lo toglie dai piedi..”.

L’altra maestra diceva poi: “se piangi ancora ti lascio solo, non lo fare più, non ti azzardare…”. Le indagini erano state avviate dopo la segnalazione alla squadra mobile di Ragusa dei genitori i cui figli si rifiutavano di andare a scuola.

Mangiare patate fritte 2 volte a settimana raddoppia il rischio di mortalità

Pubblicato il 14 Giu 2017 alle 9:58am

Mangiare due volte a settimana patate fritte non solo mette a rischio la linea delle persone ma ne aumenta in esse anche il rischio mortalità. (altro…)

Boom in Italia per la marijuana legale: “Un ordine ogni 30 secondi”

Pubblicato il 14 Giu 2017 alle 9:45am

In meno di un mese, la marijuana legale, quella che “si fuma ma non sballa”, ha fatto il suo boom anche in Italia.

“Appena entrati in commercio avevamo un ordine ogni 30 secondi. Siamo stati costretti a chiudere la vendita online. Ci sono state resse negli shop, con anche mille persone all’ora. In un negozio abbiamo dovuto mettere le transenne. Adesso è il momento di strutturarci”.

A parlare è Luca Marola, fra gli ideatori di Easy Joint – l’azienda che vende l’erba Eletta Campana, varietà italiana con il THC (tetraidrocannabinolo, principio psicoattivo della marijuana) inferiore allo 0,6 per cento, il limite di legge consentito – racconta quello che è accaduto le prime ore dopo il lancio .

“Da quando abbiamo presentato il prodotto alla Fiera di Bologna – dice Marola – l’interesse è stato altissimo. Vogliamo ricordare che questa non è la marijuana per come la si intende di solito, ma è un’erba che ha bassissimo Thc e fino al 4% di cannabidiolo (CBD), ovvero il principio contenuto nella cannabis che non ha effetti psicoattivi, ma soltanto sedativi. Così, tra curiosi, appassionati, persone che volevano provare l’erba per problemi di ansia, insonnia, dolori mestruali e altro si è sparsa la voce e sono arrivati i primi ordini. Ad oggi già 85 negozi in tutta Italia la stanno vendendo e le richieste sono così elevate che abbiamo dovuto costituire una società, assumere dei dipendenti e bloccare la vendita online perché non riuscivamo a gestirla”.

Questa “cannabis tecnica italiana” viene venduta in vasetti da 8-10 grammi a un prezzo di 17 euro e ha un valore sociale, sostiene Marola.

“Il nostro è un esperimento che potrebbe aprire gli occhi: ecco come potrebbe essere la legalizzazione in Italia. Non ci importa tanto il commercio, ma far capire cosa si potrebbe fare in questo Paese, così come già avvenuto in America e molte altre zone del mondo. Ma la politica, invece di interessarsi, dorme sull’iter di legge per la legalizzazione”

Incendio a Grenfell Tower a Londra, 30 feriti, molti morti

Pubblicato il 14 Giu 2017 alle 9:37am

Incendio alla Grenfell Tower di Londra, grattacielo residenziale di 27 piani nella zona di North Kensington. Trenta i feriti ricoverati negli ospedali mentre i vigili del fuoco sostengono che ci sono sicuramente dei morti.

Alcuni residenti si sarebbero lanciati addirittura nel vuoto per sfuggire alle fiamme.

Trenta le persone ricoverate nei 5 ospedali della città. Il bilancio è ancora provvisorio. Nell’edificio centinaia di residenti. Ancora ignote le cause del rogo.

Il fuoco ha avuto origine nella parte inferiore della torre di cemento, intorno al quarto o quinto piano. Quaranta i mezzi di soccorso con duecento vigili del fuoco sono stati impegnati nelle operazioni di soccorso e spegnimento. Purtroppo, però, l’acqua sparata dai pompieri poteva raggiungere soltanto la metà inferiore del palazzo, che ha continuato a bruciare per ore, riducendosi a uno scheletro annerito, fino a quando l’intensità delle fiamme si è ridotta da sola.