Mangiare due volte a settimana patate fritte non solo mette a rischio la linea delle persone ma ne aumenta in esse anche il rischio mortalità.

A rivelarlo è uno studio pubblicato dall”American Journal of Clinical Nutrition’ e dal ‘Time’. La ricerca – firmata dall’italiano Nicola Veronese (Cnr- Università di Padova) insieme ad altri colleghi italiani, americani, spagnoli e inglesi – ha indagato sul consumo di questo alimento in un gruppo di 4.400 nordamericani tra 45 e 79 anni, per 8 anni, scoprendo che si erano registrati 236 decessi.

I ricercatori, dopo aver valutato i diversi fattori di rischio, hanno puntato l’attenzione sulle patate fritte che, mangiate con frequenza, hanno mostrato un impatto fortemente negativo sulla salute delle persone esaminate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.