Chirurgia chimica, modificato in embrione il genoma della Talassemia

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 07 Ott 2017 alle ore 8:00am

Per la prima volta in Cina su un embrione è stato modificato con successo il genoma della Talassemia, per mezzo di una ‘chirurgia chimica’.

Lo studio è riuscito a correggere l’errore del Dna che provoca la malattia, nota anche come anemia mediterranea. Tale studio è stato pubblicato su Protein and Cell.

La tecnica è una evoluzione della Crispr-Cas, che fa il ‘taglia-incolla’ del Dna, che però agisce sui geni, cioè sulle sequenze di basi.

In questa variante si agisce sulla singola base, cioè su una delle quattro ‘lettere’ che compongono il genoma.

Nel caso specifico è stata corretta dai ricercatori della Sun Yat-sen University, gli stessi che hanno usato per primi il ‘taglia-incolla’ sugli embrioni, una G, che è stata trasformata in una A, correggendo quindi l’errore che porta alla beta talassemia. Questa tecnica, spiega David Liu, uno dei pionieri, al sito della Bbc, è più efficiente e con meno effetti collaterali della Crispr.