Il settimo gusto – secondo alcuni ricercatori australiani della Deakin University – sono i carboidrati. Per arrivare a tale conclusione gli scienziati hanno arruolato un gruppo di 34 volontari sottoposti a precisi test di valutazione. Dai risultati raccolti è emerso infatti che vi sono alcune persone particolarmente sensibili al gusto dei carboidrati, e che non si tratta di una cosa positiva.

Le persone che percepiscono maggiormente i carboidrati, sono sostanzialmente più sensibili al gusto emanato dalle maltodestrine e dal oligofruttosio. Ma non solo: tale sensibilità è accentuata anche per quanto riguarda calorie e chili di troppo. «Coloro che erano più sensibili al gusto del carboidrato mangiavano una quantità maggiore di alimenti che ne contenevano e avevano un girovita più ampio», ha dichiarato il coordinatore dello studio Julia Low.

Le persone sensibili a tali gusti ne vengono inconsapevolmente attratte, indirizzando le proprie scelte alimentari su pasta, pane, biscotti, con il risultato di trovarsi di fronte a possibili e concreti aumenti di peso corporei indesiderati.

Il risultato di tale ricerca è stata pubblicata sul Journal of Nutrition nell’articolo dal titolo “Carbohydrate Taste Sensitivity Is Associated with Starch Intake and Waist Circumference in Adults”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.