Gianni Morandi, esce domani, 17 novembre, l’album di inediti ‘d’amore d’autore’

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 16 Nov 2017 alle ore 5:39pm

Si è tenuta questa mattina al Teatro Gerolamo di Milano la conferenza stampa del nuovo progetto discografico di Gianni Mirandi dal titolo ‘d’amore d’autore‘ in uscita domani, venerdi 17 novembre, su etichetta Sony Music.

Il 40esimo album di Gianni Morandi a quattro anni dal suo ultimo album, Bisogna vivere. Un album di inediti d’autore, in cui il cantante italiano sceglie di interpretare i brani che hanno come filo conduttore l’amore.

Un progetto unico, in uscita il 1 dicembre anche in formato 33 giri, che porta la firma di grandi autori della musica italiana, Elisa, Ivano Fossati, Levante, Luciano Ligabue, Ermal Meta, Tommaso Paradiso, Giuliano Sangiorgi, Paolo Simoni e che contiene Onda su onda , il brano di Paolo Conte nel quale Morandi duetta con Fiorella Mannoia.
La produzione esecutiva dell’album è di F&p Group e Riservarossa.

Il disco è stato anticipato dal singolo Dobbiamo fare luce, scritto da Luciano Lugabue e prodotto da Luciano Luis Luisi.

Il nuovo progetto musicale di Morandi sarà anche live a partire dal 24 febbraio 2018 nei principali palasport italiani. Il Gianni Morandi Tour 2018 d’amore d’autore‘ha già visto aggiungere nuove date al calendario annunciato.

Gianni Morandi ha aperto al conferenza stampa con queste parole: “Non posso cominciare questa presentazione senza pensare a Louis Bacalov, scomparso nelle ultime ore. E’ una persona molto importante per me, quando sono arrivato a Roma. Ha scritto 4-5 canzoni formidabili per me insieme a Migliacci, come La fisarmonica e Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte, la mia canzone più famosa nell’immaginario della gente. Pensate a quanto sia importante per me Bacalov… E’ stato uno straordinario musicista“.

E parlando del disco ha detto: “E’ il mio 40esimo almo, 55 anni dopo il primo. Qualcuno si è chiesto ‘ma c’era il bisogno?’. Si parla d’amore, ho sempre cantato l’amore, più di 600 canzoni mie parlano d’amore. Finito il tour con Claudio Baglioni, avevo ancora voglia di cantare ma non sapevo come. Salzano mi ha proposto di fare un tour da solo, io ho detto ‘ok, ma non posso andare a cantare le solite canzoni, cerchiamo nuove idee e nuovi autori‘”.

Ho cercato autori coi quali non avevo mai collaborato: Salzano mi ha procurato un appuntamento con il manager di Ligabue, ci siamo incontrato, abbiamo mangiato dei tortelli di zucca e alla fine ha dato l’ok. Ho incontrato Luciano nel suo studio a Correggio e mi ha proposto due canzoni. L’idea ci è piaciuta e così abbiamo anche cercato altri autori. C’abbiamo messo tre-quattro mesi di lavoro, da maggio in poi”.. “Otto autori raccontano la loro maniera di vedere l’amore“.