Incontinenza urinaria: come prevenirla con gli esercizi di Kergel

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 22 Nov 2017 alle ore 7:09am

L’incontinenza urinaria è un fenomeno molto diffuso. Si tratta di un disturbo contraddistinto inizialmente dalla fuoriuscita di poche gocce di urina che, con il passare del tempo, aumentano di quantità. In alcuni casi le perdite di verificano in seguito a uno sforzo, mentre in altri si avverte una sensazione di urgenza a urinare e non si fa in tempo ad andare in bagno. Le perdite potrebbero verificarsi anche in seguito a una risata, uno starnuto, o a un colpo di tosse.

In questi casi il disturbo potrebbe essere provocato da una ridotta tonicità del pavimento pelvico.

Ecco alcuni esercizi di Kergel per rinforzarlo.

Gli esercizi di Kegel sono stati ideati dal ginecologo Arnold Kegel. Hanno il compito di sostenere l’utero, il retto e la vescica. Per questo motivo la loro tonicità è essenziale nella prevenzione e cura dell’incontinenza. Sono un ottimo strumento anche per prolassi che si verificano a seguito del parto o della menopausa.

Gli esercizi possono essere eseguiti con molta facilità in casa, ma bisogna praticarli con una certa frequenza e per un minimo di tre mesi.

Prima di eseguire gli esercizi è importante svuotare la vescica. Dopodiché bisogna sdraiarsi sulla schiena su di un tappetino morbido collocato sul pavimento e cominciare a contrarre i muscoli perianali. Mantenendo la contrazione per cinque secondi, poi attendendo altri dieci rilassandoli. Continuare così per 5-6 volte due o tre volte al giorno. E se non si sa dove si trovano con esattezza i muscoli, prima di fare qualsiasi esercizio è necessario individuarli correttamente. Per farlo bisogna sedersi sul water come se volesse urinare, dopodiché bloccare a metà il flusso di urina. I muscoli contratti in quel momento sono quelli che devono essere contratti durante le esercitazioni.

Questi esercizi sono ideali anche dopo una gravidanza.