Sanremo 2018, originalità e tradizione: le nuove proposte e i 20 big in gara

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 16 Dic 2017 alle ore 12:15pm

Durante la diretta di Sarà Sanremo andata in onda ieri sera su Rai1 in prima serata, sono stati selezionati i 6 artisti giovani che andranno alla kermesse canora.
Mudimbi con il brano «Il Mago», Mirkoeilcane con «Stiamo tutti bene», Eva con «Cosa ti salverà», Lorenzo Baglioni con «Il congiuntivo», Giulia Casieri con «Come stai’ e Ultimo con il brano «Il ballo delle incertezze’. A loro si sono aggiunti i due ragazzi finalisti di Area Sanremo Leonardo Monteiro con il brano «Bianca» e Alice Caioli con «Specchi rotti».

Annunciati da Federico Russo e Claudia Gerini. Spazio anche per i 20 Big in gara al Festival di Sanremo 2018, a cominciare da nomi di prestigio nella musica italiana come Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

A seguire il cast completo:
Roby Facchinetti e Riccardo Fogli – Il segreto del tempo
Nina Zilli – Senza appartenere
The Kolors – Frida
Diodato e Roy Paci – Adesso
Mario Biondi – Rivederti
Luca Barbarossa – Passame er sale
Lo Stato Sociale – Una vita in vacanza
Annalisa – Il mondo prima di te
Giovanni Caccamo – Moderno
Enzo Avitabile con Peppe Servillo – Il coraggio di ogni giorno
Ornella Vanoni, Bungaro, Pacifico – Imparare ad amarsi
Renzo Rubino – Custodire
Noemi – Non smettere mai di cercarmi
Ermal Meta e Fabrizio Moro – Non mi avete fatto niente
Le Vibrazioni – Così sbagliato
Ron – Almeno pensami
Max Gazzè – La leggenda di Cristalda e Cristomunno
Decibel – La lettera del Duca
Red Canzian – Ognuno ha il suo racconto
Elio e le storie tese – Arrivederci

Un cast che tocca un po’ tutti i generi musicali. Ce ne è veramente per tutti i gusti. Forse manca solo un rapper.

I The Kolors, ad esempio, non avrebbero mai pensato di cantare in italiano, e lo faranno per la prima volta proprio sul palcoscenico dell’Ariston. Il loro nome era trapelato nelle numerose anticipazioni e indiscrezioni dei mesi scorsi, ma in pochi ci avevano realmente creduto.

Non sarà dunque questo un festival come gli altri. Sarà Baglioni a fare la differenza. E se qualcuno storce adesso il naso, dovrà ricredersi.

Claudio Baglioni, il grande cantautore italiano, in veste di direttore artistico ha voluto puntare sulla musica piuttosto che sui personaggi del momento.
Un’innovazione mitigata da scelte più “leggere”, da qualche concessione pop, da un paio di necessari nomi sanremesi. Ma certamente ha voluto scegliere persone, artisti che avrebbero potuto riservare bellissime sorprese!

Troviamo infatti tra i big, artisti del calibro di Avitabile, Diodato, Roy Paci, Servillo, che rappresentano una parte rilevante dell’arte musicale italiana che la televisione spesse volte ha voluto dimenticare. Ci sono artisti capaci di coniugare pop e qualità come Noemi, Nina Zilli, Annalisa, Gazzè, Decibel, Elio e le Storie Tese, Barbarossa, Biondi, Bungaro, Pacifico, Meta, Moro e grandi personalità come Vanoni e Ron; ben vengano allora anche cantanti come Fogli e Facchinetti, Red Canzian, e divi da talent come i The Kolors.

Senza dimenticare poi, che questo festival farà la differenza anche per gli ospiti che ci saranno.
Nei mesi scorsi sono circolati nomi come Morandi, Zero, De Gregori, Pausini e tanti altri.

Quindi le sorprese non mancheranno, e con il divo Claudio, l’architetto, il perfezionista ne vedremo veramente delle belle!