dicembre 19th, 2017

Dal 25 gennaio al cinema Made in Italy, il terzo film di Luciano Ligabue, prodotto da Domenico Procacci, con Stefano Accorsi e Kasia Smutniak

Pubblicato il 19 Dic 2017 alle 1:19pm

Arriva al cinema il prossimo 25 Gennaio 2018, “Made in Italy”, tormentata dichiarazione di amore frustrato verso il nostro Paese, raccontata con le parole e la musica di Luciano Ligabue (terzo film per il cantautore), attraverso lo sguardo di Riko. Un uomo onesto, che può contare su un gruppo di amici veri e su una moglie che, tra alti e bassi, ama da sempre. È però anche un uomo molto arrabbiato con il suo tempo, che sembra scandito solo da colpi di coda e false partenze. E se a volte si cade e rialzarsi non è facile, Riko ha scelto di non darla vinta al tempo che corre, decidendo così di mettersi in gioco e prendere finalmente in mano il suo destino.

Il film prodotto da Domenico Procacci vede come protagonisti della storia, STEFANO ACCORSI e KASIA SMUTNIAK. Nel cast troviamo anche attori come FAUSTO MARIA SCIARAPPA, WALTER LEONARDI, FILIPPO DINI, ALESSIA GIULIANI, GIANLUCA GOBBI, TOBIA DE ANGELIS.

La pellicola è stata realizzata grazie al sostegno della Regione Emilia – Romagna, Regione Lazio, del Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo.

Trailer ufficiale del film Made in Italy

Selfite, ossessione di postare selfie con una certa frequenza

Pubblicato il 19 Dic 2017 alle 10:51am

Le persone nell’era dei social hanno un bisogno che a volte diventa addirittura ossessivo di postare selfie. Una vera e propria ossessione definita ‘selfite’, termine coniato nel 2014, che rappresenta un vero e proprio disturbo mentale.

Alcuni psicologi della Nottingham Trent University e della Thiagarajar School of Management in India, nel corso di uno studio pubblicato sull’International Journal of Mental Health and Addiction, hanno esaminato il fenomeno scoprendo che non solo esisterebbe ma ci sarebbero addirittura tre categorie, tre forme di severità: cronica, acuta e borderline.

La ‘selfite’ è cronica quando vi è un incontrollabile bisogno di scattare foto a sé stessi, 24 ore su 24, postandole su Facebook e Instagram più di sei volte al giorno; è borderline se si scattano selfie almeno tre volte al giorno, ma senza necessariamente pubblicarli sui social media, mentre è classificata come acuta se si fanno molti autoscatti e finiscono tutti sui social.

Per arrivare a questa classificazione gli esperti hanno svolto un sondaggio su 400 persone in India, Paese che ha molti utenti Facebook e che ha il più alto numero di morti correlate a selfie ‘pericolosi’.

Realizzando una vera e propria ‘scala della selfite’, con 20 affermazioni alle quali rispondere attraverso l’attribuzione di un punteggio fino al massimo di 5. All’interno di questo test vi erano frasi come “Guadagno molta attenzione postando selfie sui social network” o ancora “Fare selfie migliora il mio umore e mi fa sentire felice”.

Ermanno Scervino e la nuova campagna firmata Mikael Jansson

Pubblicato il 19 Dic 2017 alle 8:27am

Ermanno Scervino sceglie Villa Lazzi, a Forte dei Marmi, come nuova location per la nuova campagna adv Primavera/Estate 2018 affidata a Mikael Jansson. (altro…)

Napoli, Policlinico II, guarita la bimba siriana di 4 anni dalle ‘labbra blu’

Pubblicato il 19 Dic 2017 alle 7:16am

E’ stata guarita a Napoli una bimba affetta sin dalla nascita da una gravissima e rara cardiopatia congenita. (altro…)

Radio Italia Live: protagonista Gianna Nannini – questa sera 21.30 su Radio Italia, Radio Italia Tv e streaming web

Pubblicato il 19 Dic 2017 alle 6:07am

Su Radio Italia, Radio Italia Tv e in streaming sul sito radioitalia.it, va in onda una nuova puntata di “RADIO ITALIA LIVE”, il programma dedicato alla musica italiana e ai suoi protagonisti. (altro…)