Via via si scoprono nuove cose sulla 68° edizione del Festival di Sanremo 2018, che porta la firma di Claudio Baglioni alla direzione e co-conduzione.

Un festival che come già annunciato in conferenza stampa dal cantautore romano, avrà la ‘musica al centro’, come è giusto che sia.

Un festival che sarà pieno di cambiamenti. E lo si intuisce anche dai 20 big che saranno in gara e le ‘Giovani Proposte’, annunciate in diretta su Rai1 il 15 dicembre.

Il logo, poi, non sarà più come prima. Perde, infatti, lo sfondo scuro per lasciare spazio a una nuova rappresentazione, più vintage. Il nero, il bianco e il grigio, i non colori predominanti della nuova icona, che dovrà rappresentare il Festival, in programma dal 6 al 10 febbraio.

Un logo, molto più classico, sopra una scalinata che fa da ‘palcoscenico’ alla scritta ‘Sanremo 2018’, preludio di quella che potrebbe essere la tracciatura della prossima scenografia del Festival di Sanremo.

Ma c’è di più. Dopo il primo promo che accennava ad un motivetto canticchiato dallo stesso Baglioni, ne arriva un altro, molto più divertente, in cui si vede il Pippo nazionale, storico conduttore del Festival di Sanremo per ben 13 edizioni, e Claudio Baglioni interloquire seduti alla scrivania facendo intendere cosa sarà questo prossimo Sanremo 2018.

Baglioni si reca da Baudo, lo citofona, Baudo incredulo quasi non ci crede che sia Baglioni. Poi una volta che lo vede, eclama:
“Quando l’ho saputo non volevo crederci, Claudio Baglioni al Festival di Sanremo! Un colpaccio, eh?”. Poi chiede a Baglioni che canzone canterà e lui non lo svela. Pippo allora chiede ancora, al cantautore romano, chi presenta, chi sceglie le canzoni, chi è il direttore artistico, e lui risponde sempre ‘Io’.

Baudo allora esclama: “In bocca al lupo, Claudio, con tutto il cuore!”. ” Viva il lupo!”, risponde Claudio.
E poi ironicamente Pippo, conclude: “”E poi dicevano che volevo fare tutto io!”

Nel frattempo, è stato pubblicato sul sito del Festival di Sanremo 2018 il regolamento della gara dei Campioni, che oltre ad includere le già annunciate decisioni del direttore artistico Claudio Baglioni, cancellare la serata delle cover e le eliminazioni, allungando addirittura il limite di durata delle canzoni in gara ad un massimo di 4 minuti, introduce un divieto che potrebbe scombinare i piani dei 20 Big in gara, che ricordiamo essere Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, Nina Zilli, The Kolors, Diodato con Roy Paci, Mario Biondi, Luca Barbarossa, Lo Stato Sociale, Annalisa, Giovanni Caccamo, Enzo Avitabile con Peppe Servillo, Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico, Renzo Rubino, Noemi, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Le Vibrazioni, Ron, Max Gazzè, i Decibel, Red Canzian ed Elio e le Storie Tese.

Tra le clausole della 68esima edizione, vi è infatti il divieto per i Campioni di esibirsi “in manifestazioni, incontri o programmi che prevedano loro interpretazioni-esecuzioni di qualsiasi composizione musicale (anche se diverse da quelle presentate in occasione della competizione a Sanremo 2018), in diffusione televisiva, radiofonica, via internet, etc. nel periodo tra il 25 dicembre 2017 e sino al termine della Quinta Serata (Serata Finale) (che si terrà il 10 febbraio ndr) di Sanremo 2018; nel periodo indicato sono consentite le partecipazioni per interviste'”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.