Che cos’è la dieta crash, quali sono i rischi per il cuore

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Feb 2018 alle ore 9:13am

La dieta crash è una dieta d’emergenza, ovvero un programma dietetico che aiuta a perdere peso velocemente in un breve lasso di tempo. L’obiettivo è quello di ridurre l’apporto calorico giornaliero.

Si tratta di un programma di dieta che dà i risultati desiderati in pochissimi giorni. Molti ricorrono a questa dieta quando vogliono ritornare dopo brevissimo tempo in seguito a festività, poca attività fisica, ecc, ma attenzione.

Secondo un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di Oxford, può esserci un pericolo celato dietro la dieta crash, legato a problemi cardiovascolari.

Lo studio è stato condotto tenendo sotto osservazione 21 persone obese sottoposte ad un regime alimentare giornaliero tra le 600 e le 800 calorie. Sottoponendo i 21 pazienti ad risonanza magnetica prima e dopo lo studio.

Ebbene, gli scienziati hanno scoperto che calando il peso si ha anche un’abbassamento dell’indice di colesterolo, tuttavia, però, un calo di grassi così drastico può mettere a repentaglio anche la salute di chi la segue. I ricercatori infatti hanno sottolineato il fatto che le persone che soffrono di problemi cardiaci dovrebbero consultare un medico prima di adottare una dieta ipocalorica.

Dopo una settimana di dieta crash infatti, il grasso corporeo totale, il grasso viscerale e il grasso del fegato erano diminuiti rispettivamente in media del 6%, 11% e 42%, accompagnati da miglioramenti significativi nella resistenza all’insulina, sull’indice del colesterolo, trigliceridi, glucosio e pressione sanguigna.Tuttavia, dopo una settimana, il contenuto di grassi nel cuore era aumentato del 44% e si è verificato un notevole deterioramento della funzionalità cardiaca, inclusa la capacità del cuore di pompare sangue.

Il dott. Rayner, principale autore dello studio rivela: “I miglioramenti metabolici con una dieta a basso contenuto calorico, come una riduzione del grasso del fegato e l’inversione del diabete, dovrebbero migliorare la funzione cardiaca. Invece, la funzione cardiaca è peggiorata nella prima settimana prima di iniziare a migliorare. L’improvviso calo delle calorie fa sì che il grasso venga rilasciato da diverse parti del corpo nel sangue e venga assorbito dal muscolo cardiaco. Tuttavia, dopo il periodo acuto in cui il corpo si sta adeguando a una significativa limitazione calorica, il contenuto di grasso e la funzione del cuore sono migliorati. ”