Cocacola, vendite non vanno bene. Si punta sull’alcolico

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 12 Mar 2018 alle ore 8:00am

La notizia diffusa su una possibile produzione di una Coca Cola alcolica in Giappone ha destato non poche perplessità.

Nel Regno Unito, Howard Telford, responsabile delle bevande analcoliche presso Euromonitor International, una società di ricerche di mercato, ha infatti dichiarato al The Guardian: “Questo è un punto di partenza per Coca-Cola, ma penso che rifletta il modo in cui i cambiamenti dei gusti dei consumatori spingono l’azienda in aree meno familiari come il latte premium , caffè, tè e ora bevande aromatizzate a bassa gradazione alcolica. “Anche se non penso che questo rappresenti un cambiamento globale nella strategia aziendale, penso che possiamo aspettarci che Coca-Cola e i suoi concorrenti continuino a cercare nuove opportunità”.

Secondo Euromonitor, il consumo globale di bibite gassate è diminuito del 3,1% tra il 2012 e il 2017, con cali a due cifre negli Usa e in Brasile. Coca-Cola controlla il 56,5% del mercato globale. Ha detto: “La categoria Chu-Hi si trova quasi esclusivamente in Giappone. A livello globale, e non è raro che le bevande analcoliche siano vendute nello stesso sistema delle bevande alcoliche. Ha senso fare un tentativo nel nostro mercato”.

La causa?
I cambiamenti che sono stati lanciati dal nuovo Presidente americano Trump hanno generato situazioni molto complicate all’interno della società che produce la Coca Cola. Solo nel quarto trimestre del 2017 è il bilancio è stato chiuso in rosso per ben 2.75 miliardi di dollari a causa dell’obbligo all’iscrizione di 3.6 miliardi di tasse che entrano nelle casse dello Stato.