Aneurisma celebrale all’ottavo mese di gravidanza, mamma e figlia vive per miracolo

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 18 Mar 2018 alle ore 10:17am

Nella giornata di ieri a Cesena, grazie alla bravura ma soprattutto alla rapidità del personale medico dell’ospedale Bufalini una donna è riuscita a dare alla luce la sua bambina, che tra l’latro è nata sana, prima di essere colta da un aneurisma celebrale. Una storia che ha avuto un epilogo davvero traumatico ma che poteva avere dei risvolti piuttosto traumatici. E invece tutto è andato nel migliore dei modi.

La protagonista di questa storia è una giovane donna di Ravenna, colpita da una fortissima aneurisma celebrale proprio durante la gravidanza e per questo trasportata di urgenza al Bufalini di Cesena dove i medici e tutti gli infermieri ed il personale sanitario sono intervenuti per cercare di salvare la vita a lei e alla bambina.

“La paziente, incinta, era incosciente e in imminente pericolo di vita a causa di una emorragia cerebrale causata da un aneurisma. La situazione era grave. Occorreva operare d’urgenza per salvarle la vita ma al contempo dovevamo cercare di fare il possibile per salvare la vita anche alla piccola che portava in grembo. Non c’era tempo da perdere, così abbiamo deciso di far nascere la piccola nella sala operatoria di Neurochirurgia con un taglio cesareo d’urgenza. Un parto eccezionale avvenuto all’ottavo mese di gravidanza grazie all’intervento simultaneo e tempestivo dei neurochirurghi, dell’equipe di Ostetricia e Ginecologia, degli anestesisti e dei neuroradiologi’”, ha riferito Luigino Tosatto direttore dell’Unità operativa di neurochirurgia del Bufalini di Cesena.

Una storia finita a lieto fine, per fortuna, perché mamma e figlia stanno ora bene.