aprile 3rd, 2018

Liam Gallagher: in attesa dello show agli I-DAYS il 21 giugno, annunciati due nuovi concerti in Italia

Pubblicato il 03 Apr 2018 alle 11:12am

Liam Gallagher torna in Italia con due nuovi concerti. Il celebre artista inglese si esibirà infatti il prossimo 15 novembre alla Zoppas Arena di Conegliano (TV) ed il giorno seguente, il 16, al Palalottomatica di Roma.

I biglietti per i due show saranno disponibili dalle ore 10.00 di mercoledì 4 aprile in anteprima per gli iscritti a MyLiveNation su www.livenation.it per 24 ore. La messa in vendita generale partirà invece dalle ore 10.00 di venerdì 6 aprile su www.ticketmaster.it, www.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

L’album di Liam, intitolato “As You Were”, è andato al primo posto nella classifica inglese degli album più venduti e la versione vinile del disco è stata la più venduta degli ultimi 20 anni. Il disco è stato ora certificato platino in Inghilterra e ha raggiunto oltre 60 milioni di stream su Spotify. Gallagher ha ricevuto invece il premio Q Icon e Best Live Act ai Q Awards e il prestigioso “Godlike Genius” Award agli NME.

Tra le varie canzoni contenute nel disco troviamo “Wall Of Glass”, “Chinatown”, “For What It’s Worth”, “Greedy Soul e l’ultimo singolo “Paper Crown”. L’album è prodotto da Dan Grech-Marguerat (Radiohead, Lana Del Rey ,The Killers) e Greg Kurstin (Adele, Sia, P!nk, Foo Fighters).

Liam è attesissimo sul palco degli I-DAYS il prossimo 21 giugno all’AREA EXPO- Experience Milano.

Russare mette a rischio la salute dello smalto dentale

Pubblicato il 03 Apr 2018 alle 7:42am

Chi russa o respira male durante la notte e mette a rischio lo smalto dei denti e facilitando la comparsa anche di carie. Pericolo ancora più presente nei bambini, visto che, nel sonno, molti di loro respirano a bocca aperta per colpa di frequenti raffreddori e allergie. A mettere in guardia su ciò è l’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (Aic). “Il fisiologico pH del cavo orale cala in modo significativo portando ad un netto aumento dell’acidità della bocca. E un ambiente più acido favorisce l’erosione e l’indebolimento dello smalto, anticamera dello sviluppo della carie”, spiega Lorenzo Breschi, presidente Aic e professore ordinario di Odontoiatria Conservativa presso l’Università di Bologna. Secondo la letteratura scientifica, in chi russa e ha apnee notturne, precisa l’esperto, “il rischio di sviluppo della patologia cariosa aumenta di oltre il 37% rispetto ai soggetti che non soffrono di disturbi respiratori”.

Il meccanismo è semplice. Respirare a bocca aperta infatti “asciuga” il cavo orale”, facendo evaporare il sottile strato protettivo di saliva che, “grazie a enzimi antibatterici, anticorpi e sali minerali in essa contenuti assicura con il suo flusso regolare una buona detersione delle superfici dentali, il bilanciamento del pH e, di conseguenza, la rimineralizzazione dello smalto”. La saliva inoltre ha il compito importantissimo di contrastare i batteri. “La secchezza orale quindi contribuisce a far salire i livelli di acidità e altera la flora batterica, favorendo, oltre alle carie anche la comparsa di irritazioni, stomatiti, afte e infiammazioni gengivali”.

Risolvere i disturbi che compromettono una buona respirazione durante il sonno, sia negli adulti che nei bambini, è quindi “importantissimo per evitare conseguenze sulla salute orale”.

Akira, il film di animazione giapponese al cinema dal 18 aprile

Pubblicato il 03 Apr 2018 alle 6:58am

Arriva al cinema, un film di Katsuhiro ÔtomoAKIRA‘, con Mitsuo Iwata, Nozomu Sasaki, Mami Koyama, Tesshô Genda, Hiroshi Ôtake, Kôichi Kitamura, Michihiro Ikemizu, Yuriko Fuchizaki, dal 18 aprile 2018, distribuito da Nexo Digital. (altro…)

Speranza dalla scienza, un vaccino contro il cancro al posto della chemioterapia

Pubblicato il 03 Apr 2018 alle 6:02am

Un vaccino può cambiare radicalmente il tipo di trattamento del male più temuto al mondo, il cancro. Dopo la sperimentazione sarà possibile mettere sul mercato un vaccino che permetterà di dire basta alla chemioterapia. Gli unici effetti collaterali per i malati, sarebbero febbre alta e dolore locale nel punto della puntura.

I farmaci come si sa agiscono sul sistema immunitario combattendo le cellule tumorali fino ad eliminarle del tutto, quando la terapia va bene.

L’autore della ricerca è il dottor Ronald Levy, della Stanford University, che ha sottolineato di essere molto soddisfatto anche se che ci sono ancora alcuni punti da rivedere.

Il vaccino in oggetto, permetterà al sistema immunitario di riconoscere il cancro così da poterlo attaccare e uccidere del tutto. La speranza è chiara: estenderlo ai diversi tipi di tumore.