aprile 23rd, 2018

Vaccini, le risposte di pediatri e neonatologi ai dubbi dei genitori

Pubblicato il 23 Apr 2018 alle 8:53am

Sulle vaccinazioni sono tanti i genitori ad avere perplessità sui reali benefici per la salute dei propri figli.

E così la Società Italiana di Pediatria (Sip) e la Società Italiana di Neonatologia (Sin) durante la Settimana Europea delle Vaccinazioni hanno voluto dare maggiori dettagli in merito, aprendo un filo diretto telefonico con le tante richieste di mamma e papà.

Un’iniziativa molto importante che nasce dall’adesione di Sip e Sin alla Settimana Europea delle Vaccinazioni promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Regione Europea), che si tiene dal 23 al 29 aprile, all’insegna dello slogan “Prevenire, Proteggere, Immunizzare” per contrastare la disinformazione.

Nel corso della settimana, il sito web e la pagina Facebook della Sip saranno dedicati al tema delle vaccinazioni. I genitori potranno chiamare ilgiorno 24 aprile dalle ore 10 alle ore 12 Lina Bollani, Neonatologa Sin (tel. 0382502884) e dalle ore 12 alle ore 14 Elena Bozzola, Segretario Nazionale Sip, tel (3394753382).

“I vaccini sono l’unico vero strumento capace di proteggerci dalle malattie infettive, che possono causare morte e/o danni permanenti – spiega il Presidente Sip Alberto Villani -. È assurdo che in Europa e in Italia si muoia ancora di morbillo. Nel 2017, in Europa il morbillo ha ucciso 30 persone e ne ha colpite oltre 14.000, circa il 400% in più rispetto all’anno precedente. Nei primi 2 mesi del 2018, le persone contagiate in Italia sono già oltre 400”.

“Nei mesi scorsi è stata data molta attenzione alle vaccinazioni pediatriche, ma la sicurezza del neonato dipende anche dall’immunizzazione della mamma – continua il Presidente della Sin Mauro Stronati -. In Italia, purtroppo, la percentuale di donne che si vaccinano in vista di una gravidanza è ancora troppo bassa. Secondo l’ISS, una donna su tre non sa se è protetta contro la rosolia e solo il 41% delle donne ha effettuato il vaccino. Le vaccinazioni in gravidanza sono sempre state viste ‘con sospetto’, per la paura di eventuali danni al feto. In realtà i dati acquisiti sull’utilizzo, in questo caso, di ‘vaccini non vivi’, come, ad esempio, quello anti-influenzale, sono rassicuranti riguardo l’effetto protettivo e l’assenza di effetti collaterali su gravidanza, madre e feto/neonato. Al contrario, le infezioni contratte in gravidanza arrecano danno non soltanto alla mamma, ma anche al bimbo che porta in grembo, interferendo con il suo sviluppo.”

Napoli, prevenzione gratuita nelle scuole per malattie cardiovascolari

Pubblicato il 23 Apr 2018 alle 8:50am

Da un recente studio fatto all’ospedale «Gemelli» di Roma, nell’ambito di una ricerca medico scientifica, sono stati raccolti dei che attestano come esisterebbero delle sostanziali differenze medico-sanitarie tra Nord e Sud. Secondo cui i cittadini del Mezzogiorno si ammalerebbero più spesso per mancanza di adeguate attività di prevenzione. (altro…)

Studenti napoletani inventano i nuovi segnali stradali: ‘stop ai cellulari e all’alcool’

Pubblicato il 23 Apr 2018 alle 8:23am

No all’uso del cellulare mentre si guida e quando da pedoni si attraversa la strada. Sono questi i messaggi lanciati dagli studenti campani che hanno partecipato al concorso ‘Inventa un segnale stradale’ nell’ambito del progetto ‘Sii saggio, guida sicuro’ promosso dall’associazione Meridiani. (altro…)

Bere caffè, riduce il rischio di cancro intestinale del 40%

Pubblicato il 23 Apr 2018 alle 7:08am

Bere molte tazze di caffè al giorno può sortire effetti benefici a livello intestinale proteggendo dal rischio di cancro del colon-retto.

Al fine di ottenere una riduzione significativa, fino al 40% del rischio di cancro all’intestino, secondo un nuovo studio, bisognerebbe assumere una quantità di caffè pari a circa 6 o più tazzine al giorno.

Questo il dato che emerge dalla ricerca condotta dai ricercatori statunitensi del National Cancer Institute di Rockville nel Maryland, i quali hanno scoperto che per ottenere anche solo una riduzione del rischio di circa il 15% bastano quattro tazze di caffè al giorno.

Per arrivare alle loro conclusioni i ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da un largo studio su dieta e salute condotto a partire dalla metà degli anni Novanta del secolo scorso. Lo studio ha coinvolto quasi 490mila soggetti di entrambi i sessi e i risultati sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista American Journal of Clinical Nutrition.

Talassemia, un aiuto dalla terapia genica

Pubblicato il 23 Apr 2018 alle 6:34am

Importanti novità arrivano dalla ricerca alla cura alla beta talassemia. Niente più trasfusioni per le persone che hanno questa patologia. Grazie alla terapia genica infatti e all’auto-trapianto di cellule staminali, 22 persone hanno potuto eliminarne o ridurne di molto la frequenza di trasfusioni. (altro…)

Couture in orbit, collezione nata tra Esa e Scuola e Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, in mostra per il Fuorisalone

Pubblicato il 23 Apr 2018 alle 6:30am

Si ispira all’ambiente e alla microgravità degli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale la collezione ‘Couture in orbit’ nata da un progetto dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) con la collaborazione della Scuola e il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, in mostra per il Fuorisalone nel neonato Bovisa Design District.

I materiali utilizzati sono quelli riflettenti e sono molto leggeri, fatti di multistrato di puro alluminio alternato a reti bianche simili a garze che sono utilizzate per realizzare i satelliti. I colori lunari dei bianchi e degli argenti si alternano a stampe ispirate alle immagini della terra prese dal satellite.

I vestiti sono il risultato di un progetto internazionale che ha visto l’ESA coinvolgere diverse scuole del design europee per produrre una capsule collection dai materiali innovativi derivanti dalla ricerca spaziale. Couture in Orbit è stato sviluppato dalla professoressa Annalisa Dominoni del Politecnico insieme ai suoi studenti in occasione del Master in Fashion Design ed è continuato come attività di ricerca grazie al supporto di ESA Technology Transfer Program (TTP) per l’integrazione di materiali e tecnologie nei capi. Le tecnologie scelte sono state sviluppate dal sistema di trasferimento tecnologico ESA Technology Transfer Program (TTP). Tra queste la Cooling Technology, utilizzata per mantenere la temperatura costante nelle tute degli astronauti, e successivamente scelta come spin-off dalla McLaren per le tute dei meccanici.