Diabete, uova non fanno male

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 21 Mag 2018 alle ore 7:38am


Mangiare molte uova non aumenta il colesterolo, gli zuccheri nel sangue o la pressione, in persone con diabete. A dirlo uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition da parte dei ricercatori del Charles Perkins Centre, centro affiliato all’Università di Sydney, che hanno diviso i 128 partecipanti con diabete o pre-diabete in due gruppi, uno con dieta ad alto consumo di uova (12 a settimana) e l’altro a basso consumo (meno di 2 a settimana). Li hanno seguiti per un totale di 12 mesi, includendo 3 mesi di dieta durante i quali però non cambiava il consumo di uova.

Lo studio randomizzato ha monitorato un’ampia gamma di fattori di rischio cardiovascolari tra cui colesterolo ‘cattivo’, glicemia e pressione, senza trovare significative differenze tra i due gruppi esaminati.

Scoprendo anche che i diversi consumi di uova non avevano alcun impatto sul peso delle persone osservate.

“La nostra ricerca indica che anche le persone con pre-diabete e diabete di tipo 2 non devono rinunciare a mangiare le uova, se questo fa parte di una dieta sana”. A spiegarlo è il primo autore dello studio, Nick Fuller.

I risultati della ricerca confermano infatti precedenti studi di minore durata, e “sono importanti per via dei potenziali benefici di questo alimento, fonte di proteine e micronutrienti che fanno bene a occhi, cuore e vasi sanguigni”. “Lo studio è particolarmente interessante per popolazioni nordeuropee abituate a un ampio consumo di uova a colazione”. Dice anche Maria Ida Maiorino, ricercatore presso la UOC di Endocrinologia dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. “I risultati sembrano in apparente disaccordo con studi epidemiologici che mostrano anche una associazione lineare fra il rischio di malattie cardiovascolari ed il consumo di uova nei pazienti con diabete tipo 2”. Da sottolineare, però, prosegue l’esperta della Società Italiana di Diabetologia (Sid), “che ai pazienti inclusi nello studio veniva consigliato di consumare le uova bollite o in camicia, o anche fritte purché in olio extra-vergine di oliva. Strategie che di sicuro rendevano il regime alimentare più salutare”.