giugno 6th, 2018

Come ringiovanire lo sguardo e combattere occhiaie e borse sotto gli occhi. Ecco i 5 super cibi

Pubblicato il 06 Giu 2018 alle 6:15am

Lo scarso riposo e la stanchezza fisica, come anche la disidratazione, o, la ritenzione idrica, possono favorire la comparsa di borse e occhiaie e rendere l’aspetto poco luminoso e stanco.

Per salvare il contorno occhi si possono applicare creme, sieri, maschere e trattamenti beauty ma purtroppo non bastano: bisogna agire anche dall’interno.

La bellezza della pelle dipende infatti anche dall’alimentazione.

Per ridurre il gonfiore è infatti di vitale importanza limitaree il consumo di sale ed evitate, soprattutto la sera, i cibi grassi e salati come salumi, formaggi, salse, snack , che favoriscono l’accumulo di liquidi in eccesso e pertanto anche la ritenzione idrica, odiatissima cellulite.

Poi, ridurre il consumo di caffè e di alcol, che peggiorano la disidratazione.

Via libera invece ad alimenti ricchi di fibre, vitamine, sali minerali, e antiossidanti, che assicurano idratazione e nutrimento in profondità.

Ma i 5 super cibi per eccellenza da consumare per ringiovanire lo sguardo e combattere le occhiaie e le borse sotto gli occhi sono: Kiwi, ciliegie, limone, carciofi, kale.

Esternamente, invece, potete applicare delle fettine di cetriolo, di patate, per aver uno sguardo più rilassato e idratato. Sì anche a bustine di tè fredde o camomilla.

Maschera di Dart Fener per far vincere la paura ad un ragazzo autistico

Pubblicato il 06 Giu 2018 alle 6:12am

Thomas, un ragazzo di 15 anni con ritardo cognitivo dai tratti autistici, non riusciva più a mangiare per il forte dolore ai denti e non voleva nemmeno più saperne di andare dal dentista. A risolvere la questione un’equipe di Odontoiatria dell’ospedale di Piove di Sacco (Padova), che ha chiesto ai genitori cosa si potesse fare per facilitarne la relazione. I medici hanno scoperto la grande passione del ragazzino per “Guerre Stellari” e così hanno deciso di trasformare virtualmente l’ospedale in un’astronave per metterlo a proprio agio.

“Abbiamo deciso d’inserire il ragazzo in una dinamica comportamentale di Guerre Stellari e così facendo Thomas ha iniziato ad effettuare il ruolo di Dart Fener con tanto di vestito e maschera – spiega il dottor Claudio Gallo, responsabile dell’equipe – Questa dinamica ludica ha creato in Thomas una situazione emozionale affascinante, ci ha permesso di effettuare ulteriori visite di ambientamento nei nostri ambulatori e di procedere senza alcun problema ai vari accertamenti clinici (esami del sangue, elettrocardiogramma, visite anestesiologiche) ed infine al ricovero in regime di Day Hospital, con ingresso in sala operatoria vestito sempre da Dart Fener”.

Ecco perché correre fa bene alla salute fisica e mentale

Pubblicato il 06 Giu 2018 alle 6:02am

La corsa porta a chi la pratica moltissimi benefici, in termine di salute sia fisica che mentale.

Bastano 30 minuti di corsa al giorno, per migliorare l’umore e alleviare i sintomi della depressione. Inoltre correre rende più resistenti allo stress, perché è dimostrato che l’esercizio aerobico aumenta i livelli di neurotrasmettitori come la serotonina e la noradrenalina, portando il cervello a generare nuovi neuroni.

Il jogging è inoltre consigliato sia ai giovani che agli anziani: aiuta i primi a dormire meglio e a concentrarsi meglio ma è utile anche ai secondi per contrastare il declino cognitivo naturalmente connesso all’età.

Inoltre, la corsa migliora la salute dell’apparato cardiovascolare, aiuta a bruciare le calorie e, a dispetto di quello che si può pensare, non è affatto dannosa per le ginocchia.

La terra dell’abbastanza, il film drammatico di Damiano D’Innocenzo e Fabio D’Innocenzo, al cinema dal 7 Giugno

Pubblicato il 06 Giu 2018 alle 5:58am

Arriva al cinema un film drammatico dal titolo LA TERRA DELL’ABBASTANZA Damiano D’Innocenzo, Fabio D’Innocenzo in uscita il 7 giugno 2018. In cui nel cast troviamo, Andrea Carpenzano, Matteo Olivetti, Milena Mancini, Max Tortora, Luca Zingaretti, Demetra Bellina, Michela De Rossi, Giordano De Plano. Distribuzione Adler Entertainment. (altro…)

Insegnanti inidonei all’insegnamento per l’80% per problematiche psichiche, lo dice un esperto

Pubblicato il 06 Giu 2018 alle 5:47am

Secondo quanto scritto sul quotidiano il Gazzettino di Treviso dal medico Vittorio Lodolo D’Oria che da venti anni segue le patologie professionali dei docenti, oggi il corpo docente è sempre più a rischio di depressione e ansia, tant’è che l’80% degli addetti ai lavori secondo il dottor D’Oria non sarebbero idonei all’insegnamento. Ma non solo, costoro sarebbero anche più a rischio di patologie tumorali.

Il medico sostiene infatti, che questi dati sarebbero nelle mani del ministero dell’Economia, dati relativi appunto all’inidoneità all’insegnamento del corpo docente. Ma che, a differenza di quanto avviene in altri paesi europei, non sarebbero diffusi per paura – questa la conclusione del medico – che possa essere accertato che le malattie professionali in ambito scolastico siano di tipo psichiatrico, costringendo ad avviare un sistema di prevenzione.

Finora le malattie professionali finora riconosciute per l’insegnamento sono solo la raucedine, la laringite e la disfonia. Sempre secondo i dati, soltanto un 10% delle diagnosi psichiatriche nei docenti può però essere messo in relazione con la genetica familiare.