Insegnanti inidonei all’insegnamento per l’80% per problematiche psichiche, lo dice un esperto

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 06 Giu 2018 alle ore 5:47am

Secondo quanto scritto sul quotidiano il Gazzettino di Treviso dal medico Vittorio Lodolo D’Oria che da venti anni segue le patologie professionali dei docenti, oggi il corpo docente è sempre più a rischio di depressione e ansia, tant’è che l’80% degli addetti ai lavori secondo il dottor D’Oria non sarebbero idonei all’insegnamento. Ma non solo, costoro sarebbero anche più a rischio di patologie tumorali.

Il medico sostiene infatti, che questi dati sarebbero nelle mani del ministero dell’Economia, dati relativi appunto all’inidoneità all’insegnamento del corpo docente. Ma che, a differenza di quanto avviene in altri paesi europei, non sarebbero diffusi per paura – questa la conclusione del medico – che possa essere accertato che le malattie professionali in ambito scolastico siano di tipo psichiatrico, costringendo ad avviare un sistema di prevenzione.

Finora le malattie professionali finora riconosciute per l’insegnamento sono solo la raucedine, la laringite e la disfonia. Sempre secondo i dati, soltanto un 10% delle diagnosi psichiatriche nei docenti può però essere messo in relazione con la genetica familiare.