Punta da una zecca, bimba resta paralizzata e senza poter parlare

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 15 Giu 2018 alle ore 7:47am


Jessica Griffin, del Mississipi (Usa), ha postato su Facebook diverse foto della sua bambina, punta da una zecca alla testa. La piccola era andata a dormir, e quando si è svegliata la mamma si è accorta che non riusciva più a stare in piedi e a parlare. La donna l’ha portata allora subito in ospedale dove i medici, dopo diverse analisi, hanno scoperto che era affetta da “paralisi delle zecche”. Patologia che sarebbe causata da una tossina che si trova nella saliva della zecca e i cui sintomi si possono risolvere spesso entro 24 ore.

«Per l’amor di Dio! Controlla i tuoi figli! Le zecche sono più comuni nei bambini che negli adulti», scrive la donna su Facebook dopo il grande spavento, «Siamo dovuti andare in ospedale. Kailyn ora è tenuta in osservazione e speriamo che tutto si risolva! Pregate per questa bambina». Poco dopo la mamma ha pubblicato i successivi aggiornamenti sullo stato di salute della piccola, annunciando che la bambina ora sta meglio, ma la preoccupazione è stata veramente tanta!

La puntura di zecca di per sé non è un problema, in quanto può passare inosservata perché in genere non provoca né dolore né prurito. Spesso, però, non ci si accorge di essere stati morsi, per via di alcune sostanze anestetiche iniettate dall’animale e nella maggior parte dei casi, il morso può provocare serie conseguenze.

Perché, proprio tramite il morso la zecca può trasmettere all’ospite eventuali microrganismi (batteri o virus) responsabili di varie malattie. Tra le malattie più frequenti che vengono trasmesse dal morso di zecca abbiamo: il morbo di Lyme e l’encefalite da zecche. Altre, invece, come la rickettsiosi o la febbre ricorrente da zecche, sono molto meno diffuse.