giugno 27th, 2018

Camera: il discorso del premier Conte in vista del prossimo Consiglio Europeo

Pubblicato il 27 Giu 2018 alle 10:54am

«In questo Consiglio europeo bisogna prendere decisioni concrete. Senza tentennamenti, ambiguità e paure. Con la forza di un governo che in Europa parla una lingua sola. Questo appuntamento sull’immigrazione grazie a noi può diventare uno spartiacque». Queste le parole pronunciate dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ha anticipato alla Camera i contenuti di ciò che esporrà domani e venerdì al vertice dei capi di Stato e di governo europei. «Abbiamo bloccato una bozza inadeguata, che andava contro i nostri interessi. È stato riconosciuto il nostro ruolo».

I punti principali affrontati.

Immigrazione «Il problema – ha spiegato il premier — sono i cosiddetti movimenti primari (gli sbarchi). Dobbiamo uscire dalla logica emergenziale per passare a risposte strutturali. Individuato dieci obiettivi. Il primo è intensificare i rapporti con i paesi d’origine, per prevenire i flussi in uscita. Penso in particolare alla Libia e al Niger. Poi bisogna rafforzare le frontiere esterne dell’Unione europea, intensificare gli accordi per pattugliare le coste. Dobbiamo superare Dublino, non ci sono più dubbi sul fatto che sia inadeguato a gestire i flussi migratori. Va superato il criterio del primo arrivo. Chi sbarca in Italia sbarca in Europa. Lo dirò a voce alta a tutti gli interlocutori. Le coste italiane sono coste europee. Questo criterio va superato». E poi ancora: «L’obbligo di salvataggio non può diventare obbligo di farsi carico di gestire le domande per conto di tutti. L’Ue deve affrontare con iniziative comuni la tratta di essere umani, non può lasciare i paesi soli. Inoltre, non possiamo portare tutti i migranti solo in Italia e Spagna, ma in tutti gli altri paesi». Ultimo obiettivo: «Ogni Stato stabilisce la quantità di migranti che è in grado di accogliere. Bisogna adottare contromisure nei confronti di tanti che non vogliono accogliere».

Lotta alla povertà Conte rimarcando l’azione del suo governo ha strappando applausi dall’aula. «Nel 2017 oltre 5 milioni di persone in Italia hanno vissuto sotto la soglia di povertà assoluta. Questi dati ci obbligano a risposte concrete, 5 milioni di persone non possono più attendere. Anche il tema del divario territoriale è intriso di ingiustizie e paradossi. Chiederemo all’Ue un utilizzo più organico dei fondi dedicati a questo tema. Chiederemo di usare le risorse anche per il reddito cittadinanza e altre misure di inclusione sociale, tra cui il potenziamento dei centri per l’impiego», ha aggiunto il premier Conte.

Fiscalità «Il debito pubblico italiano è pienamente sostenibile, dobbiamo puntare alla sua riduzione ma in una prospettiva di crescita economica. Intendiamo portare a Bruxelles anche la nostra visione sul sistema tributario. La combinazione di tasse alte e burocrazia danneggia la competitività», ha aggiunto Conte, sottolineando anche «l’impegno contro l’evasione e l’elusione fiscale. Serve un’Europa più equa anche su questo fronte, in particolare per i colossi del web. È il momento di far avanzare la condivisione del rischio, ma senza condizionalità che finiscono per irrigidire processi già avviati, che finiscono per incrementare l’instabilità bancaria e finanziaria. Non vogliamo un Fondo Monetario Europeo che finisca per costringere alcuni Paesi verso percorsi di ristrutturazione predefiniti, con l’esautorazione di un’autonomia che comporti politiche economiche efficaci».

Collisioni 2018, al festival di Barolo, al via il 29 Giugno, l’ultimo concerto degli Elio e Le Storie Tese con tanti ospiti

Pubblicato il 27 Giu 2018 alle 9:00am

Collisioni, il festival «agri-rock» di Barolo, torna anche quest’anno nel piccolo comune di 700 anime noto per l’ottimo vino, dal 29 giugno al 28 luglio. Un’edizione, quella del 2018, che segna anche i 10 anni della manifestazione con un ricchissimo programma pieno di avvenimenti. Accanto a Elio e le Storie Tese, il cui «concerto d’addio» aprirà la manifestazione, ci saranno Steven Tyler, Lenny Kravitz, i Depeche Mode (data già sold out), il trio Pezzali-Nek-Renga e Caparezza. Concerti ai quali si aggiungono altri artisti, annunciati in occasione della presentazione del decennale, come Dolcenera, Coccoluto e Mannarino, il quale sarà a Barolo per ritirare il Premio Giovani. E ci sarà un altro premio, dedicato alla carriera nel cinema, che sarà consegnato al Maestro Bernardo Bertolucci.

Inoltre, al concerto degli «Elii» parteciperanno anche diversi amici e artisti, come Piero Pelù, Geppi Cucciari, Maccio Capatonda, Cristina D’Avena e Rocco Tanica. Oltre alla musica, però, ci saranno anche i libri, i grandi ospiti e gli incontri. Tra i confermati: Niccolò Ammaniti, Julian Barnes, Mauro Corona, Alessandro D’Avenia, Erri de Luca, Tahar Ben Jelloun, Massimo Recalcati e Irvine Welsh. Ma ad incontrare il pubblico ci saranno anche Luca Carboni, Giancarlo Caselli, Beppe Vessicchio, Marco Travaglio e Laura Morante.

Disponibile dal 15 giugno scorso, la doppia raccolta, con 30 brani tratti dalle esibizioni dei più grandi artisti che si sono esibiti nel corso delle diverse edizioni della kermesse canora. La compilation è stata realizzata con l’emittente radiofonica Rtl 102.5. Numerosi i partner, come Fondazione Crt, Fondazione Crc e Ubi Banca, oltre alle eccellenze dell’enogastronomia e dell’agricoltura che parteciperanno agli incontri del palco “Wine & Food”, con iniziative per i professionisti. Il festival avrà poi una squadra di volontari che si occuperanno dell’assistenza ai disabili, con la Cooperativa “Il Laboratorio”, che curerà anche laboratori per bambini.

Benevento: Festival Nazionale del Cinema e della Televisione dal 4 al 9 luglio. Apre Ligabue, chiude Piovani

Pubblicato il 27 Giu 2018 alle 8:52am

Cresce l’attesa per la seconda edizione del FESTIVAL NAZIONALE DEL CINEMA E DELLA TELEVISIONE di Benevento in programma da mercoledì 4 a lunedì 9 luglio. (altro…)

Ministero della salute, i richiami di prodotti alimentari ritirati nel mese di Giugno

Pubblicato il 27 Giu 2018 alle 7:37am

Periodicamente il Ministero della Salute comunica, sul proprio sito web, i richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori.

Prodotti che, a seguito di indagini a campione svolte dalle autorità, sono stati ritirati dal commercio perché ritenuti pericolosi, nocivi, non sicuri, o non conformi alle norme sulla tutela dei consumatori.

Si tratta, quasi sempre, di prodotti commestibili anche se, talvolta, le indagini riguardano anche creme estetiche e altri prodotti suscettibili di entrare in contatto con gli organi interni ed interni dell’uomo.

Il ritiro coinvolge soprattutto partite di alimenti su cui sono state trovate tracce di veleni, di allergeni, rischi chimici o microbiologici, ecc.

Ma cosa deve fare il consumatore in questi casi?

Sicuramente rivolgersi al venditore per chiedere la restituzione del prezzo o la sostituzione del prodotto.

Gli operatori del settore alimentare (OSA) da parte loro, hanno invece l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti da essi posti in commercio e a ritirare il prodotto dal mercato.

In aggiunta al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve inoltre provvedere al richiamo cioè deve informare i consumatori sui prodotti a rischio, anche mediante cartellonistica da apporre nei punti vendita, e a pubblicare il richiamo nella specifica area del portale del Ministero della Salute.

La pubblicazione del richiamo nel portale internet del Ministero è a cura della Regione competente per territorio, che lo riceve direttamente dall’OSA, previa valutazione della ASl.

Oltre ai richiami di prodotti alimentari, sono pubblicate on line anche le revoche dei richiami successivi a risultati di analisi favorevoli, scadenza o per altri motivi.

Sono autentici e assolvono agli obblighi di informazione ai consumatori soltanto i richiami e loro revoche pubblicati nel portale del Ministero della Salute.

Lista prodotti alimentari ritirati dal commercio in questo mese di Giugno 2018

21 giugno 2018 – Bauer S.P.A. – BRODO GRANULARE ISTANTANEO FUNGHI 120 g

Richiamo per rischio presenza di allergeni. Significa che il prodotto contiene alimenti che determinano allergie e, ciò nonostante, detta informazione non è contenuta sull’etichetta come invece richiesto dalla legge. Si invitano i consumatori allergici alla noce, che avessero acquistato il lotto L0008440 a non consumarlo e a rivolgersi all’azienda chiamando il numero 0461.944.350.

20 giugno 2018 – Cipster – Sfogliatine di patate fritte

Richiamo per rischio presenza di allergeni. Il ritiro riguarda le scatole di cipster in cartone da 85 grammi. Si invitano i consumatori intolleranti al glutine o allergici al frumento che avessero comprato questo prodotto con data di scadenza al 31.10.2018 – 30.11.2018 – 31.12.2018 e 31.01.2019 a non consumarlo e a rivolgersi al numero verde 800-055200

20 giugno 2018 – Cipster – Sfogliatine di patate fritte

Richiamo per rischio presenza di allergeni. Il ritiro riguarda le scatole di cipster in cartone da 85 grammi. Si invitano i consumatori intolleranti al glutine o allergici al frumento che avessero comprato questo prodotto con data di scadenza al 31.10.2018 – 30.11.2018 – 31.12.2018 e 31.01.2019 a non consumarlo e a rivolgersi al numero verde 800-055200

19 giugno 2018 – ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO – ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO

Richiamo per rischio chimico. Il lotto di prodotto incriminato è il 23LB8137E. Il ritiro è avvenuto per presenza consistente di contaminanti idrocarburici prevalenza cilene trimetilbenzene toluene etilbenze.

14 giugno 2018 – Frutta e Bacche – Alga Chlorella Biologica in polvere

Richiamo per presenza di solfiti (allergene) non dichiarati in etichetta. Rischio rivolto solo alle persone allergiche all’anidride solforosa e solfiti. Per tutti gli latri consumatori il prodotto è idoneo al consumo.

14 giugno 2018 – Frutta e Bacche – Alga Chlorella Biologica in polvere

Richiamo per rischio presenza di allergeni. Lotto n. 7166. Presenza di solfiti non dichiarati in etichetta.

11 giugno 2018 – CONAD – Crema con patate e porri

Richiamo per rischio presenza di allergeni. Lotto n. L35761. Presenza di tracce di glutine.

Campania, Test di Angelina Jolie per la diagnosi precoce dei tumori

Pubblicato il 27 Giu 2018 alle 7:35am

Da Napoli, arrivano buone notizie in merito alla prevenzione in ambito tumorale. Grazie ad innovative tecnologiche in ambito genomico e delle neoplasie ad elevata incidenza nella popolazione generale e di difficile gestione clinica, nonché il confronto sugli avanzamenti tecnologici nel campo della diagnostica oncologica, con particolare rilievo verso le neoplasie del sistema nervoso centrale, tiroidee ed endocrine in generale, della mammella e della prostata, affrontati nel corso del convegno che si è tenuto alcuni giorni fa nel capoluogo campano, presso il Centro congressi dell’Università Federico II e che ha visto numerosi esperti provenienti da tutta Italia, partecipare a questo importante incontro medico-scientifico.

Grande attenzione, è stata posta su due grandi topic della patologia neoplastica: mammella e prostata.

Si è spiegato infatti come identificare i fattori di rischio, attraverso la creazione di programmi di screening «personalizzati» e delle terapie mirate (terapia genomica, selezione del trattamento in base al profilo genetico/genomico).

«La Campania rappresenta una eccellenza in campo medico e nella ricerca ma è altrettanto importante fare prevenzione. Spesso si va fuori senza motivo, bisogna invece informare sulle notevoli capacità delle competenze che esistono nei nostri territori», ha spiegato Annamaria Colao, coordinatore scientifico del convegno sulle neoplasie che si è tenuti in questi giorni a Napoli.

In particolare è emerso che anche al Sud, vi è la possibilità di monitorare campioni provenienti da altre regioni italiane, grazie ad un laboratorio di genomica all’avanguardia che consente al CMO di Torre Annunziata di fare moltissime ricerche e test oncologici che sono indicativi per la terapia del paziente da seguire ma soprattutto per l’approccio chirurgico, per identificare una possibile mutazione genetica, grazie ad un kit con il quale è possibile prelevare direttamente da parte del chirurgo di fiducia un campione anche da un’altra città o regione per un controllo costante.

Due kit, uno blu per i tessuti (colon, polmone, tiroide e ovaio) e uno rosso dedicato esclusivamente alla mammella.

«Siamo in grado di fare il famoso test genetico Brca1 e Brca2, quello fatto da Angelina Jolie per tutelarsi dal cancro al seno. Possiamo fare un test predittivo estendendolo anche ai familiari. Per questi test abbiamo un laboratorio dedicato. C’è anche un colloquio con la psicologa prima di comprendere la familiarità della mutazione», ha spiegato Imma Ricciardelli, responsabile scientifica del congresso che, dopo i saluti dell’amministratore del Cmo Luigi Marulo e del sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione, si è aperto con la lettura magistrale «Il Futuro della ricerca biomedica» di Annamaria Colao, tra le primi quindici migliori scienziate italiane nel mondo per proseguire, poi tra gli altri, con l’oncologo Michelino De Laurentis, direttore dell’Oncologia senologica del Pascale, l’endocrino-chirurgo Stefano Spiezia, l’oncologo Antongiulio Faggiano, Sabino De Placido direttore dell’Oncologia medica della Federico II.

Menopausa, cosa mangiare

Pubblicato il 27 Giu 2018 alle 6:42am

La menopausa naturale, viene accertata dopo l’assenza di mestruazioni per almeno 12 mesi, compare generalmente tra i 48 e i 52 anni e non si manifesta all’improvviso, ma viene anticipata da alcuni cambiamenti, nella durata e nell’intensità del ciclo, o nella presenza delle mestruazioni che possono interrompersi e comparire, anche per periodi lunghi (5-10 anni). Esiste inoltre una forma di menopausa precoce, quando compare prima dei 40 anni, spesso dovuta a malattie genetiche o autoimmuni, infezioni, terapie farmacologiche e disfunzioni ovariche.

Dimagrire in menopausa, se si ha acquistato qualche chilo in eccesso è un obiettivo non solo estetico, ma anche di salute. Per questo una corretta alimentazione aiuta a limitare anche i fastidiosi sintomi che accompagnano questa condizione, come ad esempio le vampate di calore.

Vediamo, allora, quali sono gli alimenti consigliati durante la menopausa:

– frutta e verdura almeno 4 volte al giorno – abbondante acqua – calcio ogni giorno – pesce azzurro tre volte alla settimana – carni bianche – cereali integrali – fibre e sostanze antiossidanti – soia (con moderazione) – legumi – olio di lino di prima spremitura – noci, mandorle, semi oleosi – olio extravergine di oliva – frutti rossi – alghe – 1 quadratino di cioccolato extrafondente (per il buonumore e l’equilibrio metabolico).

Sul ruolo della soia i pareri scientifici sono ancora contrastanti per cui è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia, mentre unanime importanza viene data ai fitoestrogeni, i cosiddetti “ormoni naturali”, presenti in diverse sostanze naturali dal potere antiossidante che si legano ai recettori degli estrogeni, contribuendo alla prevenzione di molte malattie, come i tumori femminili, migliorando i sintomi della menopausa. Si trovano in alimenti che, non dovrebbero mai mancare nella nella dieta in menopausa: sesamo, ginseng, aneto, semi di segale, semi di lino, semi di girasole, avena, grano saraceno, riso, cumino cavolini di Bruxelles e altre crucifere, piselli, mela, finocchio, frutti di bosco, ciliegia, limone e altri agrumi, aglio.

Mentre sono da evitare gli alimenti grassi, i dolci, gli alimenti raffinati e tutti i cibi considerati nemici della linea e della salute perché fanno aumentare il peso corporeo e il colesterolo, senza dimenticare l’importanza, per corpo e mente, di una vita attiva e non sedentaria.

Tuttavia, per il rischio-cardiovascolare la dieta in menopausa non basta, occorre, monitorare la salute del proprio cuore attraverso controlli periodici per colesterolo HDL, colesterolo totale, glicemia e trigliceridi.