Sanremo 2019: ecco come Claudio Baglioni intende rivoluzionare il ‘suo’ Festival della Canzone Italiana

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 18 Lug 2018 alle ore 7:10pm


Due manifestazioni diverse. E’ questo l’obiettivo di Claudio Baglioni, direttore artistico bis per il prossimo festival di Sanremo.

Esibizione dei giovani a dicembre nel teatro del Casinò di Sanremo, per scegliere il vincitore che andrà direttamente all’Ariston a febbraio nella categoria Big.

Al regolamento scritto da Claudio Baglioni mancherebbe solo l’ufficialità della Rai.

Baglioni avrebbe preferito dare alle Nuove Proposte una vetrina a parte per dare loro una settimana intera a disposizione nel palinsesto di Rai 1 che culminerà con due prime serate, in onda su Rai 1 il 13 e 14 dicembre, durante le quali verrà scelto il vincitore che accederà di diritto al Festival di febbraio nella categoria dei Big.

In due serate, Sanremo Giovani, in cui potranno esibirsi anche un numero maggiore di giovani rispetto agli otto che lo scorso anno hanno gareggiato all’Ariston nella categoria delle Nuove Proposte. Possibilità questa che ha convinto molto le case discografiche e che secondo Baglioni, permetterebbe agli “emergenti” di avere a disposizione uno spazio diverso, che non finisce più fagocitato dalla macchina festivaliera.

Naturalmente, senza giovani a febbraio, all’Ariston ci sarà anche più spazio per i Big che da venti passeranno a ventiquattro. Già lo scorso anno, infatti, l cantautore romano aveva deciso di togliere le eliminazioni tra i Big, scelta che resta confermata anche per il prossimo anno.

Il successo della passata edizione del festival della canzone italiana ha dato a Baglioni, maggiore sicurezza e forza di osare e fare di più anche per il prossimo anno. Il tempo è anche maggiore e pertanto le novità saranno veramente tante.

Il festival che ci attende, sarà senza precedenti. Stravolto, come solo Baglioni può fare.

Photo Crediti Alessandro Dobici